VENERDÌ 11 SETTEMBRE 2015, 004:00, IN TERRIS

IL NATIONAL GEOGRAPHIC ELOGIA PAPA FRANCESCO, RIYADH CENSURA LA RIVISTA

Il numero di agosto non è stato distribuito poiché i vertici del paese si sarebbero “offesi” per la presenza del capo della Chiesa in copertina

FRANCESCO VOLPI
IL NATIONAL GEOGRAPHIC ELOGIA PAPA FRANCESCO, RIYADH CENSURA LA RIVISTA
IL NATIONAL GEOGRAPHIC ELOGIA PAPA FRANCESCO, RIYADH CENSURA LA RIVISTA
Le autorità di Riyadh hanno vietato la vendita del numero di agosto della celebre rivista National Geographic, poiché la copertina ritraeva Papa Francesco all'interno della Cappella Sistina. Anche se i canali ufficiali hanno taciuto sulla censura della rivista, i vertiti del paese si sarebbero "offesi" per la presenza del capo della Chiesa cattolica sulla copertina della rivista. Sul loro profilo Twitter, i responsabili della versione araba di National Geographic hanno parlato di un'edizione “bannata” per ragioni di “carattere culturale”, senza fornire ulteriori dettagli. Il sito foreignpolicy.com riporta le scuse ai lettori del direttore Alsaad Omar al-Menhaly, per la mancata distribuzione del numero di agosto dovuta al fatto che la rivista “non ha ottenuto il permesso di ingresso (nel paese) per motivi culturali”.

Il titolo della prima pagina, secondo il quale il pontefice starebbe attuando una "rivoluzione silenziosa", avrebbe allertato e irritato profondamente il regime saudita, da secoli ossessionato da rivolte o proteste di piazza. Per le autorità islamiche, il concetto di una religione disponibile al “cambiamento” per adattarsi alla modernità, ciò che sta facendo il vescovo di Roma argentino nella Chiesa cattolica per la rivista, è proprio ciò che essi da sempre combattono, difendendo una versione immutabile e pura dell’islam.

L’Arabia Saudita si basa sulla Sharia, la legge islamica che attua la “pena di morte” nei casi di “omicidio, violenza sessuale, traffico di droga e stregoneria”. Nel regno ultraconservatore, alle donne è vietato guidare e devono essere sempre accompagnate da un uomo cui sono legate da stretto grado di parentela. Inoltre, in questi giorni il Papa continua a rilanciare una "politica di accoglienza" e sostegno ai profughi in fuga dagli orrori in Medio Oriente, in particolare i siriani, aprendo le porte del Vaticano e invitando i sacerdoti a fare lo stesso nelle parrocchie; al contrario dell'Europa, l’Arabia Saudita non ha accolto nessun profugo in quattro anni di confltto, mantenendo sigillate le proprie frontiere.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"