VENERDÌ 24 APRILE 2015, 11:34, IN TERRIS

IL FONDAMENTO DELLA NOSTRA FEDE E' L'INCONTRO CON GESU' CHE CI CAMBIA LA VITA

Nell'Omelia di Santa Marta il pontefice ha sottolineato l'importanza di chiedere la "grazia della memoria" affinché non "dimentichiamo il primo amore" che è Cristo

HORTENSIA HONORATI
IL FONDAMENTO DELLA NOSTRA FEDE E' L'INCONTRO CON GESU' CHE CI CAMBIA LA VITA
IL FONDAMENTO DELLA NOSTRA FEDE E' L'INCONTRO CON GESU' CHE CI CAMBIA LA VITA
Nella messa mattutina a Santa Marta Papa Francesco ha preso spunto dalla liturgia odierna per ribadire le modalità con cui il Signore si mostra ai suoi figli. L'incontro è la via prescelta da Dio per cambiare la vita dell'uomo, così come è accaduto per Paolo di Tarso che da accanito persecutore della Chiesa si è trasformato in Apostolo zelante o ancora per Giovanni e Andrea, che trascorrono con il Maestro "tutta la serata", Simone che subito diventa la "pietra" della nuova comunità, e poi la Samaritana, il lebbroso che torna a ringraziare per essere stato risanato, la donna ammalata che guarisce sfiorando la tunica di Cristo.

"Lui mai dimentica, ma noi dimentichiamo l'incontro con Gesù. E questo sarebbe un bel compito da fare a casa, pensare: 'Ma quando ho sentito davvero il Signore vicino a me? Quando ho sentito che dovevo cambiare vita o essere migliore o perdonare una persona? Quando ho sentito il Signore che mi chiedeva qualcosa? Quando ho incontrato il Signore?'. Perché la nostra fede è un incontro con Gesù. Questo è il fondamento della fede: ho incontrato Gesù come Saulo oggi".

E' così che Francesco invita i fedeli a entrare quotidianamente in questa preghiera della memoria domandosi: "Quando tu mi hai detto qualcosa che ha cambiato la mia vita o mi hai invitato a fare quel passo avanti nella vita? Un altro compito bello sarebbe prendere i Vangeli e guardare tante storie lì e vedere come Gesù incontra la gente, come sceglie gli apostoli. Tanti incontri che sono lì con Gesù. Forse qualcuno di quelli assomiglia al mio. Ognuno ha il suo proprio".

In conclusione il Papa ha sintetizzato le sue esortazioni in pochi punti da poter vivere concretamente: Cristo desidera un rapporto con noi, nel senso di predilezione, "un rapporto d'amore a tu per tu". In ultimo è importante chiedere al Dio la "grazia della memoria": "Quando, Signore, è stato quell'incontro, quel primo amore? E' importante per non sentire quel rimprovero che il Signore fa nell'Apocalisse: 'Ho questo contro di te, che ti sei dimenticato del primo amore'".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"