SABATO 30 SETTEMBRE 2017, 10:17, IN TERRIS


CINA

Il Corano nel mirino della polizia

Nella regione dello Xinjiang è stato ordinato ai musulmani di consegnare anche tutti gli altri oggetti sacri

IGNAZIO STATUARIO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici

Le autorità cinesi nella regione nordoccidentale di Xinjiang hanno ordinato a tutte le famiglie musulmane di consegnare le copie del Corano ed altri oggetti religiosi, compresi i tappetini usati per la preghiera. Ne dà notizia Radio Free Asia.


Morsa contro l’Islam

La morsa sulla religione islamica sta avvenendo in una regione della Cina in cui vive la minoranza turcofona degli uiguri, ma anche di kazaki e kirghizi, con i quali hanno in comune proprio il credo nell’Islam.

Quasi tutte le case hanno un Corano e tappetini per la preghiera”, ha detto una fonte all’emittente. La fonte ha inoltre raccontato della campagna di confische, mentre Dilxat Raxit, portavoce del Congresso mondiale uiguro, ha aggiunto che da altre province iniziano ad arrivare notizie di situazioni simili.

“Devono essere consegnati volontariamente. Se non verranno consegnati e trovati, allora ci saranno punizioni severe“, ha aggiunto.

Dall’inizio del 2017 le autorità in Cina hanno lanciato una campagna contro gli oggetti religiosi ritenuti “illegali”. Banditi burqa, veli islamici e barbe che possono ricondurre all’appartenenza all’Islam.


Restrizione ai prodotti del Kazakistan

Le restrizioni riguardano nello specifico anche i prodotti provenienti dal Kazakistan.

Le cifre ufficiali mostrano che in Cina vi sono circa 1,5 milioni di kazaki, perlopiù concentrati nei pressi della Prefettura Autonoma Ili Kazah, vicino al confine con il Kazakistan.

“Ci sono restrizioni alla vendita di prodotti anche alimentari provenienti dal Kazakistan, tra cui le tagliatelle, i prodotti biologici e lo spirito del latte di mare”, ha detto la fonte.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte dei Conti
POLITICA FISCALE

Corte dei Conti: "Taglio tasse? Strategie di lungo respiro"

Lo hanno detto le Sezioni riunite dell'organo di rilievo costituzionale
LAZIO

Roma, pittore ucciso: fermato un 18enne

Per l'omicidio di Umberto Ranieri è indagato un giovane originario della Tunisia
Barchetta di carta con foto di immigrati
MIGRANTI

Sea Watch chiede soldi: "Aiutateci a difendere i diritti umani"

Colletta dell'ong per le spese legali da affrontare se sbarca in Italia. Salvini: "Nave fuorilegge"
Il garage a Chiavari in cui è stato ucciso Orazio Pino
CHIAVARI

Omicidio Orazio Pino: arrestato il presunto assassino

Si tratterebbe di Sergio Tiscornia, fidanzato dell'amante della vittima
Antonio Stano
NERA

Manduria, morte di Stano: altri nove arresti, otto minori

Dalle carte emerge anche un nuovo episodio nei confronti di un'altra persona con disturbi mentali
Carabinieri in azione
NAPOLI

Maxi colpo alla Camorra: 126 arresti in tutta Italia

Persone considerate appartenenti ai clan Contini, Mallardo e Licciardi
 Migranti al confine tra Stati Uniti e Messico
MESSICO

Migranti Usa: morti una donna e 3 bimbi

Le autorità: "Decedute per disidratazione ed esposizione all'eccessivo caldo"
Manifestazione pro-Tav a Verona
TORINO - LIONE

Tav: il finanziamento dell'Ue salirà al 55%

Toninelli: "Rimango sempre dell'idea che i soldi possano essere impiegati meglio"

L'inciviltà di certi giornalisti

Mi è capitato ieri, come in altre occasioni: arriva un giornalista con cameraman sotto casa, e suona...
Palazzo Chigi
PALAZZO CHIGI

Nodo sulle Autonomie, il testo non va in Cdm

Scontro fra le due forze di maggioranza sul tema, mentre i grillini provano a spingere sulla revoca ad Autostrade