MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2016, 000:58, IN TERRIS

I vescovi filippini contro le esecuzioni extragiudiziali: "Ogni vita è sacra"

Le forze dell'ordine (dall'elezione del presidente) hanno ucciso già 1.067 persone

MILENA CASTIGLI
I vescovi filippini contro le esecuzioni extragiudiziali:
I vescovi filippini contro le esecuzioni extragiudiziali: "Ogni vita è sacra"
I vescovi cattolici delle Filippine si schierano apertamente contro la pratica - sempre più diffusa nel paese asiatico - degli omicidi extragiudiziali. “Siamo profondamente addolorati e fortemente disturbati dalla crescente ondata di esecuzioni extragiudiziali in relazione alla campagna anti-droga e per l’azione inadeguata da parte del governo nel controllare queste esecuzioni sommarie e condurre i loro responsabili alla giustizia” hanno detto in un appello i Vescovi dell’isola filippina di Negros, nel centro dell’arcipelago.

Nello specifico, a chiedere un repentino cambio di rotta sono stati i vescovi di Bacolog, Dumaguete e San Carlos l'Amministratore apostolico della diocesi di Kabankalan. I quattro Vescovi firmatari sono: Gerardo A. Alminaza, Vescovo di San Carlos; Patricio Buzon, Vescovo di Bacolod; Julito Cortes, Vescovo di Dumaguete; Rolando Nueva, Amministratore apostolico di Kabankalan.

I quattro Presuli notano che “le dichiarazioni incendiarie dell'amministrazione tendono a favorire l'uccisione di tossicodipendenti”, mentre “l'apatia e l'indifferenza apparente dell’opinione pubblica di fronte a queste esecuzioni extragiudiziali destano forte preoccupazione e allarme”.

I Vescovi concordano sulla volontà politica e sulla determinazione per affrontare la terribile minaccia della droga che da tempo affligge il paese, ma chiedono con forza “che ciò avvenga entro i limiti della legge e con pieno rispetto dei diritti umani”, in quanto “l'uomo è creato a immagine di Dio e ogni vita umana è sacra”, e “il comandamento, ‘non uccidere’, ha un valore assoluto e vale sia per l'innocente che per il colpevole”.

Dio non gode della morte del malvagio, ma desidera che invece si converta e viva” ricordano citando il passo biblico del Profeta Ezechiele. I Vescovi come “Pastori del gregge”, impegnano le loro rispettive comunità a “pregare costantemente per il nostro paese”, a “formare le coscienze e promuovere la cultura della vita, a partire nelle nostre famiglie”, e anche “ad offrire piena collaborazione con il governo nel lavoro di prevenzione della droga e nella riabilitazione dei tossicodipendenti”.

Il presidente filippino Rodrigo Duterte aveva promesso, il giorno del suo insediamento nel maggio di quest'anno, una stretta contro i crimini di droga. Il capo della polizia filippina Ronald Dela Rosa ha riferito - durante un'audizione al senato sulle esecuzioni extragiudiziali - che le forze dell'ordine (dall'elezione del presidente) hanno ucciso già 1.067 persone.
Duterte, che si era presentato come il candidato che avrebbe eliminato alla radice i crimini di droga nei primi sei mesi da presidente, ha dichiarato pubblicamente che non porterà avanti provvedimenti contro le forze dell'ordine che uccidono spacciatori o altre persone coinvolte con lo spaccio di droga.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
MORTE RIINA

La Cei: "Nessun funerale pubblico per il boss"

Lo ha confermato il portavoce, don Maffeis: "Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi"
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont, sull'estradizione si decide il 4 dicembre

Il giudice rinvia al mese prossimo la decisione sul mandato d'arresto europeo. L'ex presidente resta in Belgio
DIFESA DELLA VITA NASCENTE

Aborto: una campagna per informare le donne

La rilancia l'Associazione ProVita proprio mentre a Roma spuntano manifesti sul tema