MARTEDÌ 13 AGOSTO 2019, 18:47, IN TERRIS


CHIESA IN USCITA

I vescovi della Costa Rica: "La religione è impegno civile"

Al centro della Conferenza Episcopale, il timore per la disoccupazione in aumento

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I prelati riunitisi nella Conferenza episcopale della Costa Rica, tenutasi dal 5 al 9 agosto 2019 - Foto © Cecor
I prelati riunitisi nella Conferenza episcopale della Costa Rica, tenutasi dal 5 al 9 agosto 2019 - Foto © Cecor
U

na Chiesa sempre più attenta al sociale è quella che si profila nella Costa Rica. Nello Stato centramericano si è da poco concluso il summit della Conferenza episcopale della Costa Rica - in programma dal 5 al 9 agosto scorsi, al termine del quale i vescovi hanno rilasciato una nota che fa il punto della situazione sociale in cui versa il Paese.


Contro la disoccupazione

Come riporta l'AgenSir, i prelati ritengono fondamentale "proseguire nel dialogo sociale": il solo strumento che possa contrastare la disoccupazione, fenomeno dilagante, e a tratti preoccupante, in tutto il Paese. Come recita il messaggio, è necessario "proseguire nella ricerca di strade per un dialogo costruttivo, in comunione di pensieri e idee, con l'obiettivo di raggiungere il desiderato bene comune". Soltanto edificando tali "ponti sociali" è possibile "superare i possibili ostacoli". L'intenzione del Conferenza dei vescovi è quella di avviare un processo volto a trovare soluzioni per l'occupazione. Nella nota, i prelati non risparmiano di tracciare l'implacabile quadro tracciato dai numeri: nella Costa Rica, infatti, il tasso di disoccupazione è il più alto dell'ultimo decennio e tra ottobre e dicembre - ricorda l'AgenSir - "ha toccato il 12% senza contare le  le 60.000 persone che sono uscite dal mercato del lavoro essendosi stancate di cercare un'occupazione" con le quali si arriva a rasentare il 13,4%".


Contro una religione privata

Per i prelati, la religione può aiutare a perseguire quella giustizia economica alla base del mutuo soccorso. L'aspetto importante del documento è la riflessione sulla vocazione sociale del messaggio evangelico: per i vescovi, bisogna evitare di relegare la religione a un aspetto esclusivamente privato: "La fede in Cristo - sottolinea il documento - ci porta a impegnarci nella trasformazione della società a partire dai princìpi della carità, giustizia verità". In questo i vescovi della Costa Rica ravvisano lo spirito di sacrificio che esige il Vangelo: spendere la propria vita negli altri, senza il timore di "sporcarsi le mani" nell'impegno sociale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
Palazzo Chigi
INCOGNITE

L’ipoteca economica sulla crisi di governo

I rischi sulla società italiana dell’esercizio provvisorio e dell’aumento dell’Iva
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali