LUNEDÌ 01 GIUGNO 2015, 001:01, IN TERRIS

GRAN BRETAGNA: GLI EBREI ORTODOSSI VIETANO LA GUIDA ALLE DONNE

La vicenda, riguardante la setta ultraortodossa Belz, è ora sotto osservazione dal Ministero dell’Istruzione

MILENA CASTIGLI
GRAN BRETAGNA: GLI EBREI ORTODOSSI VIETANO LA GUIDA ALLE DONNE
GRAN BRETAGNA: GLI EBREI ORTODOSSI VIETANO LA GUIDA ALLE DONNE
Gli Imam arabi non sono gli unici a predicare il divieto della guida dell’automobile alle donne. La controversa richiesta arriva anche da alcuni “colleghi” ebrei nella occidentale Gran Bretagna. A Londra è infatti scoppiata nei giorni scorsi un’accesa polemica in merito a un gruppo di ebrei ultraortodossi che, per motivi religiosi, ha esplicitamente vietato alle donne di guidare. In pratica, i rabbini hanno imposto loro lo stesso divieto in vigore in Arabia Saudita, culla del wahabismo, l'interpretazione più rigida dell'Islam sunnita.

Come riferisce il Times, in seguito alla notizia il ministro dell'Istruzione Nicky Morgan ha aperto un'inchiesta sulla setta Belz (parte della corrente ultraortodossa ebraica hassidica, originaria dell'omonima città ucraina), centrata nel quartiere nord-occidentale londinese di Stamford Hill. I capi della comunità hanno avvertito le madri che i loro figli non saranno più fatti entrare a scuola se saranno loro a portarli a lezione alla guida di un qualsiasi veicolo. Questo perché, hanno sentenziato, le donne che guidano "sono contro le regole religiose che impongono modestia". Per il ministro dell’Istruzione, che è anche responsabile delle Pari opportunità, "Questo è completamente inaccettabile nella moderna Gran Bretagna. Se le scuole non promuovono attivamente il principio del rispetto per le altre persone, stanno violando le regole scolastiche di indipendenza".

Gettando uno sguardo qualche migliaio di chilometri più a sud, anche in Arabia il medesimo problema viene molto dibattuto. Da anni le donne saudite stanno lottando per ottenere il diritto alla guida: hanno provato a far sentire la propria voce con campagne mediatiche, rischiando la loro vita e infrangendo il divieto. Ma nulla sembra essere cambiato. Colei che dovesse mettersi alla guida di un'automobile, rischierebbe pene severe, dalla fustigazione al carcere. Il motivo? Secondo lo storico Al-Saadoon, nel caso dovesse rompersi l’auto, una donna sola sul ciglio della strada avrebbe grandi possibilità di venire stuprata. L’emblematico caso londinese e quello arabo dimostrano come il radicalismo e l’intransigenza possano spesso coincidere anche quando partono da due posizioni diametralmente opposte.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Facebook
SOCIAL MEDIA E FISCO

Svolta Facebook: pagherà le tasse dove incassa

Il colosso di Menlo Park passerà a un sistema di vendite locali
Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni (repertorio)
VERSO IL VOTO

Elezioni il 4 marzo, l'annuncio prima di Capodanno

Lo riporta il Corriere della Sera. Gentiloni l'antidoto di Mattarella allo "scenario spagnolo"