LUNEDÌ 18 LUGLIO 2016, 004:10, IN TERRIS

GMG, A CRACOVIA IL "PADRE NOSTRO" IN ARAMAICO PREGATO DAGLI IRACHENI

Mons. Basel Yaldo: "Guarderemo anche alle sofferenze del nostro Paese alla luce di quelle di Gesù"

EDITH DRISCOLL
GMG, A CRACOVIA IL
GMG, A CRACOVIA IL "PADRE NOSTRO" IN ARAMAICO PREGATO DAGLI IRACHENI
Saranno più di 200 i giovani cristiani iracheni che, da tutte le diocesi del Paese, partiranno per partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù di Cracovia, in programma a fine luglio. E in quel contesto, durante la Via Crucis, alcuni di loro, come riporta l'Agenzia Fides, avranno l'occasione di recitare con a Papa Francesco il "Padre Nostro" in aramaico, la lingua di Gesù. “Sarà un momento importante per tutti noi, per essere confermati nella fede e nella comunione con tutta la Chiesa di Cristo” dichiara il vescovo caldeo Basel Salim Yaldo, che accompagnerà i giovani iracheni nel viaggio in Polonia insieme all'arcivescovo Bashar Warda (alla guida dell'arcidiocesi caldea di Erbil), a una decina di giovani sacerdoti e a sette suore.

I ragazzi iracheni che si preparano a partecipare alla Gmg di Cracovia provengono in buona parte dalle diocesi di Baghdad, di Kirkuk e di Erbil. Tra questi ultimi, ci sono anche alcuni giovani che vivono da rifugiati nella capitale della Regione autonoma del Kurdistan iracheno, dopo essere stati costretti a abbandonare insieme alle proprie famiglie i villaggi della Piana di Ninive. I giovani iracheni si sono preparati alla Giornata con alcuni incontri comunitari, e il 19 luglio, prima di partire per la Polonia, vivranno insieme una giornata di preghiere, canti e celebrazioni sacramentali improntate al Giubileo della Misericordia.

A Cracovia, durante la celebrazione della Via Crucis, alcuni di loro reciteranno la preghiera del Padre Nostro in lingua aramaica. “Celebrando quella pratica, con cui la Chiesa rivive la Passione di Cristo – sottolinea il vescovo Basel Yaldo – guarderemo anche alle sofferenze del nostro Paese alla luce di quelle di Gesù. In quelle giornate i ragazzi e le ragazze iracheni scambieranno il racconto delle proprie esperienze con i giovani provenienti da ogni parte del mondo. E al nostro ritorno - continua il vescovo -, convocheremo un incontro nazionale in cui i giovani che sono stati a Cracovia racconteranno a tutti la loro esperienza. Così potremo tutti toccare con mano che si può vivere la speranza cristiana e la comunione gioiosa con tutta la Chiesa anche nelle condizioni difficili che ci troviamo a vivere. Così ci accorgeremo che non occorre fuggire, emigrare, e che è bello poter vivere il dono della gioia cristiana nei luoghi dove siamo nati, e dove abbiamo incontrato Gesù, ascoltando l'annuncio del Vangelo”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andres Escobar
LA SVOLTA

Omicidio Escobar, verso la giustizia 24 anni dopo

Arrestato il presunto mandante dell'omicidio del calciatore colombiano, "colpevole" di un autogol
Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Preservare l'Amazzonia dai nuovi colonialismi"

A Puerto Maldonado l'incontro del Pontefice con i popoli indigeni: "Difendere l'ambiente significa difendere la...
Papa Francesco incontra i popoli dell'Amazzonia Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"Non ignoriamo le complicità della tratta"

Testo integrale dell'incontro del Pontefice con i popoli dell'Amazzonia a Puerto Maldonado
Due indigene mentre si preparavano all'incontro nel Coliseo Madre de Dios (foto da Twitter)
PAPA IN PERÙ

Il grido degli indigeni: "Ci difenda"

La testimonianza dei popoli amazzonici all'incontro con il Pontefice
Migranti sbarcati al porto di Pozzallo
MIGRANTI

Nuovo sbarco a Pozzallo, morti 2 neonati e un ventenne

I migranti sono arrivati nel porto siciliano con la nave dell'ong spagnola Proactiva Open Arms
Liliana Segre
PALAZZO MADAMA

Liliana Segre nominata
senatrice a vita

Scelta da Mattarella per altissimi meriti in ambito sociale. E' sopravvissuta ad Auschwitz
Beppe Grillo
ELEZIONI

Grillo detta la linea: "Nessuna alleanza"

L'ex comico afferma che il M5S è nella sua "fase adulta"
Giorgio Morandi, Natura morta (particolare), olio su tela, 35 x 50 cm. Collezione privata
BRESCIA

Picasso, De Chirico e Morandi in mostra

Cento capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane
Sofia Goggia
SCI

Sofia Goggia vince la discesa libera di Cortina

Con 1.36.45 conquista i 2.660 metri della pista Olympia delle Tofane
Ambulanza davanti alla scuola in Russia
RUSSIA

Adolescente assalta scuola con ascia e molotov

Ci sarebbero almeno 7 feriti
Auto piomba sul lungomare a Copacabana
COPACABANA

Auto piomba sul lungomare: morta una bimba di 8 mesi

Per la polizia locale non si tratta di terrorismo, ma di un tragico incidente
ELEZIONI POLITICHE 2018

Sondaggi: il centrodestra conquista il Nord e vola al 37%

Battaglia con il M5s al Sud; al Pd solo le "Regioni Rosse"