GIOVEDÌ 09 APRILE 2015, 18:52, IN TERRIS

GLI ORTODOSSI SI PREPARANO ALLA PASQUA: IL MESSAGGIO DI BARTOLOMEO I

Il patriarca di Costantinopoli riflette sulle tante situazioni di guerre e conflitti che si vivono oggi nel mondo

DON MARCO MONDELCI
GLI ORTODOSSI SI PREPARANO ALLA PASQUA: IL MESSAGGIO DI BARTOLOMEO I
GLI ORTODOSSI SI PREPARANO ALLA PASQUA: IL MESSAGGIO DI BARTOLOMEO I
“Mentre noi con gioia festeggiamo la Resurrezione del Signore, quale realtà di vita e di speranza, attorno a noi, nel mondo, sentiamo le grida e le minacce della morte, che lanciano da molti punti della terra, coloro i quali credono di poter risolvere le differenze degli uomini con l’uccisione degli avversari, fatto che costituisce anche la più grande dimostrazione della loro debolezza" così il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, si rivolge al mondo ortodosso in attesa della Pasqua che verrà celebrata domenica prossima.

Nel testo, il patriarca riflette sulle tante situazioni di guerre e conflitti che si vivono oggi nel mondo, per ribadire che “il male viene vinto attraverso il bene e mai attraverso il male”. Infatti, scrive Bartolomeo I, "attraverso la provocazione della morte del prossimo, attraverso la vendetta contro l’altro, il diverso, il mondo non migliora, né si risolvono i problemi degli uomini”. “I problemi - ha sottolineato - si risolvono in verità col riconoscere e l’onorare il valore della persona e col rispetto dei suoi diritti. Al contrario invece, i problemi di ogni sorta vengono provocati e inaspriti dal disprezzo della persona umana e dalla violazione dei suoi diritti, soprattutto del debole, il quale deve poter sentirsi sicuro ed il forte deve essere giusto perché ci sia pace”.

"Cristo è risorto dai morti” annuncia il patriarca di Costantinopoli pensando alla Pasqua, “e ha dimostrato in questo modo l'impossibilità della morte di prevalere e di provocare un mutamento costante nel mondo. Le situazioni createsi con la morte sono controvertibili, poiché, malgrado gli eventi, sono momentanee, non hanno radice e linfa, mentre è sempre presente invisibilmente, colui che ha vinto la morte per sempre, Cristo”. “Noi, che abbiamo la nostra speranza in Lui, crediamo che il diritto della vita appartenga a tutti gli uomini”, per questo aveva anche sottolineato nel messaggio quaresimale: “Per assaporare veramente la Pasqua con tutti i Santi” e “raggiungere quella somiglianza con Dio per la quale l’uomo è stato creato” tutti i fedeli devono vivere “chiedendo perdono” e “diventando santi attraverso la conversione davanti a Dio e agli uomini”, confessare la propria “umana imperfezione e debolezza e nullità davanti a Dio” e “cambiare vita”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Serie A, 17ma giornata
CALCIO | SERIE A

L'Inter cade con l'Udinese, Napoli solo in vetta

Gli azzurri vincono 3-1 in trasferta. I nerazzurri cadono a San Siro, primo ko di Spalletti
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia