LUNEDÌ 27 GIUGNO 2016, 16:25, IN TERRIS

"GENOCIDIO DEGLI ARMENI", ANKARA CONVOCA L'AMBASCIATORE VATICANO

Il ministero degli Esteri ha diffuso una nota in cui condanna le dichiarazioni del Pontefice durante il suo viaggio in Armenia

REDAZIONE
"GENOCIDIO DEGLI ARMENI", ANKARA CONVOCA L'AMBASCIATORE VATICANO
Molto presto la Turchia convocherà l'attuale ambasciatore della Santa Sede ad Ankara per esprimere la sua "inquietudine rispetto alle parole di Papa Francesco" pronunciate durante il suo recente viaggio in Armenia. Il Pontefice, infatti, ha definito "genocidio" il massacro degli armeni del 1915. Parole che lo Stato turco non ha gradito. Il Ministero degli Esteri ha oggi diffuso una nota in cui condanna le dichiarazioni di Bergoglio e il prossimo passo, ha scritto il quotidiano turco Hurriyet, citando fonti affidabili, sarà la convocazione.

L'ambasciatore vaticano è arrivato da poche settimana in Turchia e ancora non ha presentato le sue credenziali al presidente Recep Tayyip Erdogan, quindi è molto probabile che Angelo Accattino, attuale primo consigliere dell'ambasciata, servizio che presta dal luglio del 2015, sarà lui ad essere convocato al Ministero. Secondo la stessa fonte, Ankara non ha ancora intenzione di richiamare il suo ambasciatore in Vaticano, Mehmet Paçaci, per consultazioni.

Azione che, invece, intraprese lo scorso hanno quando Francesco definì, pubblicamente, per la prima volta, "genocidio" la morte di migliaia di armeni. All'epoca, in una nota del Ministero degli Esteri di Ankara, si leggeva che il popolo turco non riconosce la dichiarazione del Pontefice, "che è discutibile sotto tutti i punti di vista, che è basata sul pregiudizio, che distorce la storia e che riconduce il dolore sofferto in Anatolia nelle particolari circostanze della Prima Guerra Mondiale ai membri di una sola religione". Parole "inaccettabili" secondo il Ministro degli Esteri Mevlut Cavuysoglu. In quell'occasione, su Twitter, il ministro scrisse che "le dichiarazioni del Papa, che non sono fondate su dati storici e legali, sono inaccettabili". Il capo della diplomazia turca affermò anche che "i leader religiosi non devono alimentare le tensioni e l'odio con affermazioni infondate".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
STATI UNITI

Orrore in California: 13 fratelli tenuti in catene dai genitori

I due sono stati arrestati: i ragazzi, fra i 2 e i 29 anni, erano detenuti in condizioni inumane
Filippo Nogarin
ALLUVIONE DI LIVORNO

Indagato il sindaco Filippo Nogarin

Ipotesi di reato di concorso in omicidio colposo: "Non sono stupito". Nella tragedia persero la vita 8 persone
Dolores O'Riordan
LONDRA

Addio a Dolores O'Riordan, voce dei Cranberries

La cantante irlandese se ne va a 46 anni per cause ignote, aveva problemi di salute
Severino Antinori
SANITÀ E DIRITTO

Antinori: chiesta condanna a 9 anni di carcere

Il ginecologo è accusato del prelievo forzoso di ovociti ad un'infermiera
Immigrati fuori la Stazione Centrale di Milano
MIGRANTI

Per Fontana sono una minaccia per la "razza bianca"

Il candidato alla Regione Lombardia poi si scusa: "È stato un errore espressivo"
Scontri all'aeroporto di Tripoli
LIBIA

Scontri all'aeroporto di Tripoli: 16 morti

Nel conflitto sono impegnate la milizia Zamrina e le forze di deterrenza speciali
La nuova Ducati del Moto Mondiale 2018
MOTOGP 2018

Ecco la nuova Ducati di Lorenzo e Dovizioso

I piloti: "E' una moto bellissima. Vogliamo far divertire tanto i tifosi"
Il forte di Bard, in Valle d'Aosta
MOSTRE

Monet, Renoir e Boudin al Forte di Bard

Dal 3 febbraio al 17 giugno “Luci del Nord. Impressionismo in Normandia”