GIOVEDÌ 09 LUGLIO 2015, 20:06, IN TERRIS

GENDER, GALANTINO: “BENE LA CIRCOLARE DEL MIUR. NO AL PENSIERO UNICO”

Il segretario generale della Cei esprime il suo apprezzamento sulla nuova riforma

AUTORE OSPITE
GENDER, GALANTINO: “BENE LA CIRCOLARE DEL MIUR. NO AL PENSIERO UNICO”
GENDER, GALANTINO: “BENE LA CIRCOLARE DEL MIUR. NO AL PENSIERO UNICO”
A poche ore dall'approvazione della riforma della scuola si sono moltiplicati i commenti, le critiche e le approvazioni da parte dei leader politici, delle autorità e dei cittadini. Si tratta di "un passo in avanti in un Paese troppo abituato alla stagnazione". Sono parole di consenso quelle dei vescovi circa il disegno di legge approvato: "Ora bisogna guardare in avanti con uno spirito nuovo che rispetti la centralità dei docenti, degli studenti e delle famiglie".

Certo ora "nel suo contenuto, con tutti i limiti che questo potrà avere, prevalgono le esigenze concrete del mondo della scuola" a partire dalla famiglia. Così Mons. Galantino, segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana esprime il suo apprezzamento sulla Circolare del Ministero dell'Istruzione nel quale viene chiarito che i progetti formativi devono essere sottoposti all'attenzione dei genitori.

"Nessuno potrà più permettersi di far passare in modo surrettizio le proprie fissazioni e ideologie con la forza del pensiero unico. Non è possibile" ha continuato riferendosi ai progetti sul gender. "Se la riforma della scuola e le circolari che l'accompagnano - ha sottolineato il segretario della Cei - ci aiuteranno a recuperare il ruolo centrale della famiglia, io dico che la legge ha operato una grande svolta".

La formazione dei ragazzi è centrale e "la preoccupazione non deve essere solo quella per i soldi che si devono risparmiare". E quindi non bisogna smettere di "invitare il Governo a investire di più sulla formazione". Il via libera della legge, non acclamato da molti, e con qualche defezione anche dal partito di governo, non scandalizza Galantino: "Appena si intravede qualcosa di nuovo scatta subito il virus della conflittualità". La speranza, secondo il segretario della Cei, è quella che "si smetta di avere scuole che non possono programma una formazione serie per mancanza di soldi, che non si creino classi pollaio e che i docenti possano stabilire relazioni dirette con tutti, soprattutto gli ultimi, quelli che non possono contare sulla raccomandazione di Tizio o di Caio. Mi auguro che questa approvazione della Buona Scuola crei uno spirito nuovo e inneschi meccanismi che mettano al centro l'alunno, il docente e la famiglia".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Bashar al Assad e Vladimir Putin
SIRIA

Putin ordina il ritiro delle truppe

Il presidente russo: "Sconfitto il più agguerrito gruppo terroristico del mondo"