SABATO 12 SETTEMBRE 2015, 005:00, IN TERRIS

FUGA DALL'ORA DI RELIGIONE, LA META' DEGLI STUDENTI NON LA SEGUE

Da una ricerca dell'Uaar emerge che il 44.4% degli studenti preferisce altri tipi di attività

EDITH DRISCOLL
FUGA DALL'ORA DI RELIGIONE, LA META' DEGLI STUDENTI NON LA SEGUE
FUGA DALL'ORA DI RELIGIONE, LA META' DEGLI STUDENTI NON LA SEGUE
A scuola gli studenti fuggono l'ora di religione. A Bologna, in otto istituti comprensivi della città, frequentati ogni giorno da cinquemila bambini tra i 3 e i 13 anni, il 44,4% degli alunni rinuncia alla lezione di religione per dedicarsi ad altre attività che vengono offerte dai piani didattici. Una percentuale quattro volte superiore rispetto ai dati nazionali: in tutta Italia, solo il 10,3% degli alunni, esce dall'aula quando entra il maestro con la bibbia in mano.



A svolgere l'indagine è stata la Uaar, l'unione degli atei e degli agnostici, che ha usato come campione le scuole dell'infanzia, delle elementari e delle medie. Su 21 istituti contattati, hanno risposto alla ricerca soltanto 8 scuole. "Quasi la metà (44,4%) degli studenti non aderisce all'insegnamento della religione cattolica". Questo è dovuto, sia alla presenza maggiore di genitori stranieri, sia al distacco delle famiglie dalla religione.



Chi non segue le lezioni di religione, segue altre attività: dall'educazione civica alla musica, ma spesso è difficile accedervi: "In tre istituti su cinque le alternative sono partite con ritardi fino a un mese", spiega Roberto Grendene, responsabile Campagne dell'Uaar; "Se tu, genitore, non sai che c’è la possibilità di fare altro, hai paura che tuo figlio stia in corridoio, venga preso in giro, discriminato. Invece, quando c’è informazione, la percentuale di studenti che sceglie l’attività alternativa aumenta. I dirigenti scolastici dovrebbero far di più, così come ci aspettavamo un appoggio maggiore da parte del Comune".



La ricerca  sarà presentata alla festa del PD di Bologna, al Parco Nord, il prossimo lunedì 14 settembre nello spazio Red Square. Tra i partecipanti, l'autore dello studio, Simone Vincenzini, studioso di Sociologia e Ricerca Sociale all'Università di Bologna, Marina Pirazzi, sociologa, consulente nel contrasto alle discriminazioni e Roberto Grendene.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria