SABATO 06 GIUGNO 2015, 18:22, IN TERRIS

FRANCESCO: "UN POPOLO CHE DIMENTICA LA SUA STORIA NON HA FUTURO"

STEFANO CICCHINI
FRANCESCO:
FRANCESCO: "UN POPOLO CHE DIMENTICA LA SUA STORIA NON HA FUTURO"
Papa Francesco che si inchina commosso per diversi secondi dinanzi ad un sacerdote che pochi istanti prima aveva dato la sua drammatica testimonianza del conflitto balcanico. E’ questa una delle immagini simbolo del viaggio del Santo Padre in Bosnia Erzegovina. L’incontro presso la cattedrale di Sarajevo è stato introdotto dal saluto dell’arcivescovo, il cardinale Vinko Puljić. Oltre al sacerdote il Pontefice ha ascoltato commosso anche un religioso e una religiosa che hanno parlato degli orrori della guerra. Il vescovo di Roma ha dichiarato di aver preparato un discorso scritto, ma, dopo aver sentito le testimonianze, di sentire il bisogno di parlare a braccio. Un popolo che dimentica la sua memoria, ha affermato, non ha futuro.

“Non avete diritto di dimenticare la vostra storia – ha osservato –. Non per vendicarvi, ma per fare pace. Non per guardare come una cosa strana, ma per amare come loro hanno amato. Nel vostro sangue, nella vostra vocazione, c’è la vocazione, c’è il sangue di questi tre martiri”. Richiamando la lettera di San Paolo apostolo agli Ebrei ha invitato i presenti a non dimenticarsi degli antenati, di coloro che hanno trasmesso “come si vive” la fede. Il Papa ha messo in risalto il divario tra le testimonianze che ha ascoltato oggi rispetto alle inezie di ogni giorno. “E noi che ci lamentiamo – ha detto a tale proposito – quando c’è un dente che ci fa male o vogliamo avere la tv nella nostra stanza con tante comodità”. Oppure, ha proseguito, “chiacchieriamo del superiore o della superiora quando il pasto non è tanto buono”.

“Suore, sacerdoti, vescovi, seminaristi mondani – ha soggiunto – sono una caricatura: non servono. Non hanno la memoria dei martiri. Hanno perso la memoria di Gesù Cristo crocifisso, l’unica memoria nostra”. “E finalmente – ha concluso – io vorrei dirvi che questa è stata una storia di crudeltà. Anche oggi, in questa guerra mondiale vediamo tante, tante, tante crudeltà. Fate sempre il contrario della crudeltà. Abbiate atteggiamenti di tenerezza, fratellanza, perdono e portate la croce di Gesù Cristo”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"