MARTEDÌ 08 SETTEMBRE 2015, 003:00, IN TERRIS

FERROVIA PAPALE: UN TRENO TURISTICO COLLEGHERA' SAN PIETRO ALLA VILLA DI CASTEL GANDOLFO

La nuova linea ferroviaria condurrà dalla Stazione Vaticana fino alle Ville Pontificie per nuovi tour straordinari

FABRIZIO GENTILE
FERROVIA PAPALE: UN TRENO TURISTICO COLLEGHERA' SAN PIETRO ALLA VILLA DI CASTEL GANDOLFO
FERROVIA PAPALE: UN TRENO TURISTICO COLLEGHERA' SAN PIETRO ALLA VILLA DI CASTEL GANDOLFO
Sulla nera locomotiva a vapore svettano due storiche insegne: il tricolore italiano da una parte, e il vessillo bianco e giallo della Città del Vaticano dall'altro. Due testimoni muti di un evento importante. Quella stessa locomotiva, che nel 1962 venne utilizzata da Sua Santità Giovanni XXIII per il pellegrinaggio "su rotaia" a Loreto, la più prestigiosa tra quelle del treno presidenziale italiano prestato al Pontefice, ad inaugurare il prossimo venerdì 11 settembre, la nuova linea ferroviaria Vaticano-Castel Gandolfo-Albano Laziale. Una tratta singolare, ricca di storia e bellezze artistiche che condurrà dalla stazione dello stato più piccolo del mondo, alla meravigliosa Villa Pontificia di Castel Gandolfo.

Dopo poco più di un anno dalla decisione di Papa Francesco di aprire al pubblico dei giardini delle Ville Pontificie, giungo a centinai le proposte di tour in quei luoghi storici, d'ora in poi raggiungibili tutti i fine settimana a bordo del moderno trenino delle Ferrovie dello Stato. Un'ulteriore grande novità, a partire da sabato 12 settembre: l’apertura delle sale del Palazzo Apostolico, con il nuovo spazio museale “La Galleria dei Pontefici”. Questo perché il Santo Padre ritiene giusto condividere con la gente le bellezze di quelle sale incantevoli, affrescate dai grandi artisti italiani del rinascimento, da sempre riservate ai soli occhi dei Papi.

Due siti speciali che potranno essere raggiunti da una stazione altrettanto inaccessibile fino ad oggi. Questo perché la stazione fu costruita all'interno delle mura leonine dopo la storica firma dei Patti Lateranensi, per consentire allo Stato della Chiesa la possibilità di collegarsi alla rete ferroviaria italiana. Ma arrivare a Castel Gandolfo con la storica ed elegante carrozza "S6" (quella usata da Giovanni XXIII per il viaggio a Loreto), magistralmente restaurata dalla Fondazione Ferrovie dello Stato, sarà un privilegio per poche persone fortunate. In futuro verrà infatti utilizzata solo in occasione di eventi speciali. per le normali corse del weekend e per i turisti sarà messo a disposizione un comodissimo treno di più recente costruzione
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti