GIOVEDÌ 10 GENNAIO 2019, 10:38, IN TERRIS


SPORT E SPIRITUALITÀ

Ecco i corridori del Papa: nasce l'Athletica Vaticana

Presentata oggi alla presenza del Card. Ravasi la prima Associazione Sportiva delle Sacre Mura

NICO SPUNTONI
I relatori della conferenza
I relatori della conferenza
E'

 stata presentata nell'aula San Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede l'Athletica Vaticana. Si tratta della prima Associazione Sportiva costituita in Vaticano, affiliata con la Federazione italiana atletica leggera in virtù dell'intesa bilaterale con il Coni. Questa nuova realtà dipenderà dal Pontificio Consiglio della Cultura che ha un dipartimento dedicato anche allo sport. Alla conferenza di presentazione, presenti il Cardinal Gianfranco Ravasi, Prefetto del Pontificio Consiglio, Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico con cui è stato già firmato un protocollo d'intesa, Michela Ciprietti, atleta e rappresentante di Athletica Vaticana e monsignor Melchor José Sànchez de Toca y Alameda, presidente dell'Associazione Sportiva appena nata, Giovanni Malagò, presidente del Coni.


Il collegamento religione-sport

A fare gli "onori di casa", il nuovo direttore ad interim della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti. Questa è la prima conferenza del 2019. Gisotti, nella sua prima uscita pubblica da direttore, ha esordito definendo "qualcosa di storico" l'iniziativa presentata oggi. Il Cardinale Ravasi ha dedicato il suo intervento "connettere alla parola sport, quelle di religione, cultura ed etica". Secondo il Cardinale: "Il gioco si fa per gratuità, non condizionati da vincoli immediati. La storia della cultura ha sempre avuto un collegamento con lo sport. La religione ha alla base il gratuito, quindi è facile il collegamento con lo sport". La violenza negli stadi, il razzismo, il doping denotano come il peccato, la degenerazione etica abbia proprio in uno dei linguaggi dell'umanità come lo sport abbia la rappresentazione più truce e triste.


Atletica e spiritualità

L'intervento di Luca Pancalli ha evidenziato la dimensione storica della nascita di Athletica Vaticana. Il presidente del Cip ha sottolineato la vicinanza del Pontificio Consiglio della Cultura al Comitato Italiano Paralimpico. "Il nostro obiettivo - ha affermato Pancalli - è quello di cambiare la percezione della disabilità nel Paese con lo sport". La diversità, dunque, vista come una risorsa e non come un ostacolo. Monsignor, Melchor José Sànchez de Toca y Alameda ha ripercorso il cammino che ha portato alla costituzione di quella che è la prima società sportiva costituita ufficialmente in Vaticano. Secondo il presidente dell'Associazione Sportiva, quest'iniziativa dimostra l'"interessamento della Chiesa nei confronti dello sport" e si pone lo scopo di "promuovere la pratica sportiva, specialmente l'atletica leggera ma con l'apertura ad una serie di iniziative ricreative e spirituali. Quindi, non è nata per correre e basta ma come testimonianza". Rivolta ai dipendenti vaticani ma non solo: sono stati tesserati anche due migranti della cooperativa Auxilium, fondata da Angelo Chiorazzo. Una prova della dimensione solidale di quest'esperienza. L'idea è nata da un gruppo di amatori della corsa ed è poi arrivata fino alla Segreteria di Stato che ne ha autorizzato la costituzione, affidandone la gestione al Pontificio Consiglio della Cultura.


Nessun obiettivo agonistico

Il presidente del Coni si è detto felice di questa nascita ed ha ironizzato sulla concorrenza che la rappresentanza vaticana potrebbe fare a quella italiana. Michela Ciprietti, l'atleta rappresentante, ha posto l'attenzione sulla funzione dello sport come "mezzo per annullare le differenze" e lo si vede "al termine di una gara; dopo il traguardo ci si abbraccia, senza chiedersi se lo sfidante è di un'altra religione". L'Associazione Sportiva non ha obiettivi agonistici, ma vuole promuovere la corsa a 360 gradi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Film La mia seconda volta
CINEMA

“La mia seconda volta”: un film... stupefacente

Una pellicola per sensibilizzare i giovani contro l’uso delle droghe: parla Federica Picchi, della casa di distribuzione
Imane Fadil
GIALLO IMANE FADIL

La Procura: "Cadmio e animonio nel sangue"

Il pm Francesco Greco: "Valori di cromo e molibdeno molto superiori alla norma". Ascolato il direttore...
MOZAMBICO

Ciclone Idai: le vittime potrebbero essere più di mille

Alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe
Brenton Tarrant in aula
ATTACCO IN NUOVA ZELANDA

Tarrant e il rischio di un processo-comizio

Il killer si difenderà da solo. Il giudizio diventerà strumento di propaganda?
Lorenzo Orsetti
SIRIA

Annuncio di Daesh: "Ucciso un crociato italiano"

Si tratterebbe del fiorentino Lorenzo Orsetti, volontario fra le forze curde. Pubblicata una foto e un documento
Mohammed bin Salman
ARABIA SAUDITA

Bin Salman creò un team contro i dissidenti?

Il Nyt: "Squadra formata un anno prima dell'omicidio di Jamal Khashoggi"