LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019, 15:21, IN TERRIS


VATICANO

Due delegati venezuelani ricevuti in Segreteria di Stato

Lo ha confermato il direttore ad interim della Sala Stampa, Alessandro Gisotti

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bandiere del Venezuela accolgono il Papa a Panama
Bandiere del Venezuela accolgono il Papa a Panama
I

l Direttore ad interim della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, ha confermato la presenza di una delegazione venezuelana questa mattina nella Terza Loggia del Palazzo Apostolico.


L'incontro

Il presidente della commissione per gli Affari esteri dell'Assemblea nazionale, Francisco Sucre, e Rodrigo Diamanti, rappresentante europeo per gli aiuti umanitari, sono stati ricevuti in Segreteria di Stato. Durante l'incontro, fa sapere Gisotti, "è stata ribadita la vicinanza del Santo Padre e della Santa Sede al popolo venezuelano, principalmente a quelli che soffrono". "Inoltre - si aggiunge nella nota diffusa dalla Sala Stampa - è stata sottolineata la profonda preoccupazione perché si trovi con urgenza una soluzione giusta e pacifica per poter superare la crisi, nel rispetto dei diritti umani e cercando il bene di tutti gli abitanti del Paese, evitando uno spargimento di sangue".


La missione

I due delegati, uomini di fiducia di Juan Guaidó, presidente dell'Assemblea Legislativa, sono atterrati in Italia per farsi ricevere dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e dal Vaticano per presentare "il piano di transizione per il recupero della democrazia in Venezuela tramite elezioni libere e trasparenti". Nei giorni scorsi l'autoproclamatosi presidente venezuelano aveva fatto un appello al Papa nel corso di un'intervista per una collaborazione che possa aiutare a mettere "fine dell’usurpazione, per un governo di transizione, e a portare a elezioni veramente libere in Venezuela". Guaidò aveva inoltre espresso l'intenzione di invitare il Pontefice in Venezuela.


La posizione della Santa Sede

La posizione della Santa Sede è stata ribadita dal Segreteria di Stato, il Cardinale Pietro Parolin, in un'intervista al telegiornale di Tv 2000. "L'atteggiamento della Santa Sede - ha detto il Segretario di Stato - è quello di una neutralità positiva, non è l'atteggiamento di chi si mette alla finestra a guardare che cosa succede quasi indifferente. È l'atteggiamento di chi cerca di essere sopra le parti per superare la conflittualità".

 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...