MARTEDÌ 27 FEBBRAIO 2018, 17:00, IN TERRIS


SIRIA

Drammatico appello dei salesiani per la pace

Padre Mounir: "Missili jihadisti dal Ghouta su Damasco, in Occidente informazione manipolata"

ANDREA ACALI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il dramma della guerra in Siria
Il dramma della guerra in Siria
L

a situazione che si sta vivendo a Damasco è sempre più pesante per la popolazione civile. Dalla martoriata capitale siriana arriva un drammatico appello da parte di padre Mounir Hanachi, direttore dei salesiani di Don Bosco, che chiede di non dimenticare "la tragedia" del popolo siriano ma getta anche una luce nuova sulla prospettiva con cui guardare quello che sta accadendo. Secondo il religioso, infatti, gli attacchi vengono sferrati verso Damasco dai miliziani asserragliati nel Ghouta.

"Vi scrivo in questi giorni in cui la capitale della Siria vive momenti difficili - dice padre Mounir - È sempre stato così, in questi sette anni di guerra in Siria, ma in questi giorni si soffre ancora di più. Vengono lanciati tanti missili e colpi di mortaio sulla capitale dal Ghouta, zona della periferia di Damasco piena di jihadisti dell'Isis e tanti altri gruppi islamici fondamentalisti che cercano di fare della Siria il loro califfato. Tanti missili stanno causando tanti morti civili e bambini, tante scuole hanno chiuso le porte. É stato ordinato il coprifuoco in tutta Damasco. Tanta è la paura dalla gente e dei bambini".

Una situazione che si ripercuote inevitabilmente sulle iniziative pastorali. "Anche noi dell'oratorio salesiano abbiamo sospeso tutte le attività - spiega padre Mounir - I ragazzi solitamente arrivano con i pullman all'oratorio, per cui può essere pericoloso fargli attraversare la città. Abbiamo detto a tutti loro di stare in casa fino ad un miglioramento della situazione. Che al momento non arriva. Spero la mia voce possa giungere a tutti voi, voglio rompere il silenzio assoluto che avvolge la tragedia che sta vivendo il popolo siriano, per non parlare della manipolazione dell’informazione da parte di tanti mass media in Occidente". Mi affido tutti voi, amici. In questo tempo di Quaresima, tempo di preghiera e ritorno a Dio Padre. Che il sole della Risurrezione tocchi i cuori dei potenti e torni la pace in questa terra martoriata. Noi continuiamo a sostenere le famiglie in difficoltà".

Una voce che arriva direttamente dal "campo" e che dunque sembra smentire le ricostruzioni che vogliono il regime di Assad e gli alleati russi unici responsabili del massacro in atto. Oggi c'è stata una "tregua umanitaria", peraltro violata. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, le truppe lealiste hanno lanciato quattro razzi contro la località di Yisrin e i jet hanno bombardato siti non identificati ad Arbin, Kafr Batna e Al Iftiris, mentre due elicotteri delle forze governative hanno lanciato due bombe-barili ad Al Shifunia. Il bilancio sarebbe di un bambino morto e di 7 persone ferite. L'Onu, dal canto suo, riferisce di esplosioni ma non è chiaro cosa sia accaduto realmente. Dal canto loro, Mosca e Damasco hanno accusato i "gruppi terroristici" di aver lanciato colpi di mortaio sul corridoio umanitario aperto dalle forze governative, impedendo così l'evacuazione di feriti e civili. "Il passaggio umanitario è stato aperto alle 9 del mattino per consentire ai civili di lasciare l'area ma i miliziani hanno cominciato a sparare, e non un solo civile ha lasciato la zona", ha denunciato il generale russo, Viktor Pankov.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Persecuzione dei cristiani nel mondo
AIUTO ALLA CHIESA CHE SOFFRE

Forum: "La persecuzione anticristiana nel mondo"

Il rapporto di Acs sarà presentato il 24 ottobre nella basilica capitolina di San Bartolomeo all’Isola
La scuola Giovanni Battista Pirelli di Milano, dove è avvenuto l'incidente
L'INCIDENTE

Tragedia a Milano, precipita bambino in una scuola

Il piccolo è ricoverato in condizioni gravissime
Giulia Lazzari, Roberto Lo Coco e la loro bimba
ADRIA

Morta la giovane mamma strangolata dal marito

La 23enne Giulia Lazzari, madre di una bimba di 4, era stata aggredita l'8 ottobre scorso
Un senza tetto
PADOVA

Domani la “Notte dei senza dimora”

Per sensibilizzare su povertà e marginalità con proposte, animazioni e incontri
A destra, Daniele Belardinelli, il tifoso del Varese ucciso dopo la partita Inter-Napoli il 26 dicembre 2018
STADIO E VIOLENZA

Arrestato l'ultrà che, il giorno dopo Natale, investì un tifoso con un suv

Legato a clan della camorra, il napoletano Manduca è stato incastrato da alcuni video
Buca stradale
OPERAZIONE

Arrestati funzionari Anas e imprenditori siciliani

Portati alla luce "rodati meccanismi corruttivi" all'interno dell'Anas di Catania
Inps

Così è

E'successo proprio in questi giorni ed è capitato anche a me. Sono stati arrestati alcuni malfattori che...
A sinistra, migranti diretti verso l'Europa; a destra, le bare delle prime vittime recuperate nel naufragio avvenuto nella notte tra il 6 e il 7 ottobre - Foto © Repubblica
MAR MEDITERRANEO

Si rinnova lo strazio di Lampedusa: sette corpi recuperati

Tra loro una mamma con il proprio figlio. Sul barchino erano in cinquanta
Guantoni da boxe
IL DRAMMA

Da Schaaf a Day: quando la tragedia è sul ring

Dalla morte dell'americano contro Primo Carnera fino al dramma di Chicago: quasi un secolo di interrogativi
Boris Johnson
REGNO UNITO

Brexit, Johnson strappa l'accordo a Bruxelles

Intesa ottenuta, rivisto il backstop ma il Dup si oppone: il voto in Parlamento è un'incognita
Foto di repertorio
EMERGENZA GIOVANI

WhatsApp, così in chat i ragazzini diventavano mostri

Video pedo-pornografici, Isis e insulti ai malati. Perquisizioni in tutta Italia
Prigione italiana - Foto © The Guardian

Carcere, sei guardie accusate di violenza e torture

Contestato il reato di tortura. Si cercano responsabili ed episodi analoghi