Domani Francesco consegna il Premio Ratzinger

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:52

Si terrà domani in Vaticano la cerimonia di consegna del Premio Ratzinger. Papa Francesco lo consegnerà nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico al teologo luterano tedesco Theodor Dieter, al teologo e sacerdote cattolico tedesco Karl-Heinz Menke, al compositore musicale estone Arvo Pärt, cristiano ortodosso. La cerimonia inizierà alle 12 e sarà trasmessa in diretta televisiva e in streaming sul sito del Centro Televisivo Vaticano. Dopo il saluto di padre Federico Lombardi, presidente della Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani e membro del Comitato Scientifico della Fondazione, illustrerà il profilo dei tre premiati di questa settima edizione. Dopo la consegna, Francesco pronuncerà il suo intervento, al quale seguirà l’esecuzione musicale del “Pater noster” da parte del Maestro Arvo Pärt, che suonerà al pianoforte appartenuto a Benedetto XVI. Voce solista, un cantore delle Voci bianche dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Il celebre compositore ha concepito questo brano in occasione del 60° di sacerdozio di Benedetto XVI, nel 2011. Durante la cerimonia, inoltre, il Coro della Cappella Musicale Pontificia Sistina, diretto dal Maestro Massimo Palombella, eseguirà dei brevi interventi musicali.

Come accennato, i tre premiati di quest’anno appartengono a tre diverse confessioni cristiane: cattolicesimo, luteranesimo e ortodossia. Inoltre, per la prima volta, tra di loro figura un grande artista, su proposta del Comitato Scientifico della Fondazione per l’apprezzamento di Benedetto XVI verso la musica e le arti tutte, che avvicinano l’uomo alla Verità e favoriscono l’incontro con Dio. Sono 16 le personalità insignite con il Premio Ratzinger dal 2011 ad oggi, provenienti da 12 diversi Paesi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.