“Diventare evangelizzatori per i propri compagni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02

Diventare evangelizzatori per i propri compagni” è lo slogan che i bambini delle 43 parrocchie dell’Arcidiocesi di Blantyre, in Malawi, Stato dell'Africa orientale. Centinaia di bambini hanno accolto l’appello di mons. Thomas Luke Msusa, arcivescovo di Blantyre, dopo aver partecipato alla celebrazione della Giornata dell’Infanzia Missionaria nella parrocchia di Nguludi, distretto di Chiradzulu.

Evangelizzazione

Il presule si è rivolto ai genitori presenti per l’occasione invitandoli ad aiutare i propri figli a comprendere il loro ruolo nel diffondere il Vangelo ai confini del mondo ed esortandoli ad educarli affinchè diventino veri evangelizzatori. L’arcivescovo Msusa ha elogiato i bambini per aver compreso ed essersi coinvolti nel loro ruolo di missionari nei confronti dei compagni. “I genitori che hanno fede in Dio devono condividerla con i loro figli per fare capire il loro ruolo nella Chiesa. Una volta fatto ciò sarà possibile avere una Chiesa molto vivace e attiva”, ha affermato l'arcivescovo riportato da Fides. Il leader cattolico ha inoltre esortato i leader della Chiesa di tutte le parrocchie a includere i bambini nelle attività svolte a livello parrocchiale. Il Malawi conta circa 13 milioni di abitanti con il 90% della popolazione che vive nelle zone rurali. E' una delle nazioni più densamente popolate dell'Africa subsahariana. Lilongwe (capitale dal 1971) conta oltre 400.000 abitanti. Blantyre, il maggior centro commerciale e la più grande città del paese (sede della Corte Suprema del Malawi), è cresciuta da circa 109.000 abitanti (nel 1966) a oltre 600mila ad oggi. Sebbene molti pratichino tuttora culti tradizionali, la maggior parte della popolazione si dichiara cristiana (75%) con una maggioranza (55%) di protestantie un 20% di cattolici, mentre il 15% è musulmana, quest'ultima localizzata soprattutto al nord del paese e sulle sponde del lago Malawi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.