GIOVEDÌ 09 LUGLIO 2015, 000:30, IN TERRIS

DALL'ECUADOR ALLA BOLIVIA: INIZIA LA SECONDA PARTE DEL VIAGGIO APOSTOLICO

Anche l'agenda di questi giorni è ricca di impegni: tra questi una delle visite più attese è quella che il Papa farà ai detenuti di Palmasola

HORTENSIA HONORATI
DALL'ECUADOR ALLA BOLIVIA: INIZIA LA SECONDA PARTE DEL VIAGGIO APOSTOLICO
DALL'ECUADOR ALLA BOLIVIA: INIZIA LA SECONDA PARTE DEL VIAGGIO APOSTOLICO
Dall'Ecuador alla Bolivia per passare alla seconda parte del viaggio in America Latina. Così Papa Francesco dopo esser stato nel Santuario della Vergine del Quinche in Ecuador, dove ha incontrato sacerdoti, religiose e suore,  è atterrato con l'aereo all'aeroporto di El Alto, a 4 mila metri di quota dove ad attenderlo c'era il presidente Evo Morales in compagnia di vescovi e di alcune autorità del Paese.

Gli appuntamenti in terra boliviana sono diversi, a partire dalla Santa Messa nella piazza del Cristo Redentore all'incontro con presbiteri e seminaristi al Coliseo Don Bosco; il discorso al raduno mondiale dei movimenti popolari; l'apertura del 5° Congresso eucaristico nazionale, cerimonia durante cui verranno consegnate le croci missionarie. Particolarmente attesa è la visita ai detenuti in una delle prigioni con le condizioni di vita più dura dell'America latina dove Bergoglio si recherà venerdì.

Il "Centro di riabilitazione" di Palmasola è situato alle porte di Santa Cruz a circa 500 km dalla capitale la Paz, nella quale vivono 5 mila reclusi. Si tratta di un mega carcere dove il Pontefice sarà di passaggio a bordo della papamobile. Francesco conosce bene le condizioni delle prigioni latino americane, il cui sovraffollamento è ben noto ai media locali e internazionali. Proprio due anni fa a Palmalosa morirono 34 detenuti e un bambino di due anni. I feriti in seguito a un scontro tra le bande dei padiglioni furono un centinaio.

Una giornata di sangue rimasta nella storia, una vera e propria battaglia tra detenuti che aggredirono altri reclusi a colpi di "Machete e lanciafiamme" fabbricati in prigione. E' proprio in questi posti che sembrano appartenere "alla fine del mondo" che Bergoglio ha espresso il desiderio di recarsi, per portare una parola in quelle periferie del mondo molto spesso abbandonate.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Il luogo dell'esplosione
PRATI

Molotov contro un commissariato Ps

La bottiglia incendiaria ha colpito un vecchio furgone della polizia. Indagini in corso
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Cristiani perseguitati
GERMANIA

Cattolici e protestanti contro i nazionalismi

Presentato a Berlino il rapporto ecumenico sulla libertà religiosa dei cristiani nel mondo