VENERDÌ 18 OTTOBRE 2019, 08:35, IN TERRIS

FEDE E RAGIONE

Croce: via dalle aule italiane, ma in Spagna è nelle strade

Il significato della presenza pubblica del crocifisso e i pronunciamenti a livello europeo

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Croce su una casa a San Cristóbal de La Laguna, in Spagna
Croce su una casa a San Cristóbal de La Laguna, in Spagna
M

entre in Italia, come pensieri ricorrenti, tornano a ondate cicliche le polemiche sul crocifisso nelle aule scolastiche, in tante cittadine spagnole, in un paese pur ampiamente secolarizzato e con accese frange di laicismo militante, sopravvive l’antica consuetudine di issare una croce agli angoli delle strade.


Il valore umano della pacificazione

E’ una presenza rassicurante, discreta, carica di valore che fa pensare a ciò che diceva un poeta innamorato di Dio come padre David Maria Turoldo. La croce prima di essere simbolo di morte, è simbolo di vita. Mentre il cerchio si chiude su se stesso, la croce si apre in tutte le direzioni e significa anche alternativa perché tra due strade che si biforcano c’è la possibilità di scegliere. La croce è simbolo di scelta, di libertà. Già dieci anni fa si era scatenato un inutile putiferio attorno alla decisione della Corte europea dei diritti umani sulla presenza del crocifisso nelle scuole italiane. E fu in quell’occasione che l’osservatore permanente della Santa Sede al Consiglio d’Europa, Aldo Giordano indirizzò la discussione in una direzione tuttora attualissima: “La croce è un simbolo che impressiona proprio perché unisce, raccoglie, va veramente al di là delle differenze, anche delle differenze di Credo”.  


Il diritto ad esistere di identità millenarie

Tra le tante riflessione sul tema ottenne particolare attenzione quella di padre Samir Khalil Samir, gesuita nato in Egitto, vissuto in Libano, professore all’Université Saint Joseph di Beirut, al Pontificio Istituto Orientale di Roma e alle “Facultés Jésuites de Paris”, fondatore e direttore in Libano del Centre de Documentation et de Recherches Arabes Chrétiennes, studioso di islam particolarmente apprezzato e ascoltato in Vaticano. “Il crocifisso ha un valore umano e umanistico”. E in effetti è oggi un simbolo cristiano che parte da un fatto: un uomo chiamato Gesù è stato condannato a morte per crocifissione dal prefetto romano Ponzio Pilato nell’anno 30. Il fatto è riportato da storici giudei e romani del primo secolo. “Da quest’atto volontariamente accettato dal Cristo (e dalla sua risurrezione affermata dai suoi discepoli) è nato il cristianesimo- osserva padre Samir-.Da allora, il crocifisso, oggetto di obbrobrio, è diventato simbolo di fede per miliardi di persone e più ancora simbolo di amore”. Gesù ha così rovesciato il senso della croce, a causa della propria vita: morendo, ha dato significato al fatto di dare la vita per altri. Così la croce, indipendentemente dal cristianesimo e dalla fede cristiana, ha preso un significato umanistico: dare la vita per salvare altri è l’atto umano più nobile. Ora, nel mondo contemporaneo, questa realtà è diventata rarissima. “Anzi, vediamo dappertutto nient’altro che atti di violenza per farsi giustizia- evidenzia il gesuita-. Atti di violenza che suscitano violenza più grande. Il crocifisso, ben inteso e ben spiegato ai bambini, è l’antitesi della violenza, come insegna San Paolo, nella sua lettera agli Efesini”.


Nessuna violazione dei diritti umani

La questione che in Italia contrappone da decenni i cattolici e certi settori laici è tornata recentemente di attualità alla luce delle parole del ministro dell'istruzione Lorenzo Fioramonti, il quale ha detto di ritenere l'esposizione della croce nelle aule scolastiche "una questione divisiva" e di preferire una "scuola laica", suscitando reazioni di disapprovazione da parte del mondo cattolico, favorevoli da parte di atei e agnostici. L'esposizione del crocifisso nei luoghi pubblici, nelle scuole, nelle aule di giustizia e nei seggi elettorali, è legittima o è in contrasto con i principi costituzionali di uguaglianza, di libertà di religione e di laicità dello Stato? L'ultima pronuncia giurisdizionale di rilievo è stata della Grande Camera della Corte europea per i diritti dell'uomo, che nel 2011, accogliendo un ricorso dell'Italia, ha ritenuto legittima l'esposizione del crocifisso: non può essere considerata un elemento di "indottrinamento", hanno detto i giudici europei, e dunque non comporta una violazione dei diritti umani.

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SENATO

Conte: "Il consiglio Ue? Si annuncia complesso e complicato"

Le dichiarazione del premier a Palazzo Madama alla vigilia del Consiglio europeo
Fayez al-Sarraj
CRISI LIBICA

Sarraj abbandona i colloqui di Ginevra

Dopo l'attacco di Haftar nel porto di Tripoli a una nave turca che trasportava armi
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo
L'imprenditore e filantropo Osman Kavala
TURCHIA

Gezi Park, il filantropo Kavala rischia l'ergaastolo

In detenzione preventiva, Kavala è accusato di aver tentato di rovesciare il governo di Erdogan
GERMANIA

Roettgen si candida alla guida del Cdu

Fino ad ora si era sempre parlato di tre candidati: l'avvocato finanziario Friedrich Merz, il ministro della Salute Jens...