SABATO 23 MARZO 2019, 12:06, IN TERRIS


STRAGE IN NUOVA ZELANDA

Cristiani e musulmani insieme in moschea

L'incontro è avvenuto nel centro di preghiera islamico di via Ranzani a Bologna

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'incontro in moschea
L'incontro in moschea
C

ristiani e musulmani insieme in moscheaBologna. È quanto avvenuto ieri, venerdì, giorno di preghiera per l'Islam: l'arcidiocesi, con gruppi di sacerdoti e fedeli, ha visitato i luoghi di preghiera islamici della città degli asinelli, come gesto di amicizia e solidarietà dopo l'attentato di Christchurch avvenuto nei giorni scorsi in Nuova Zelanda.


Vivere in pace

"Vogliamo affermare la necessità e la possibilità di vivere in pace, anche se siamo diversi, anche se abbiamo una fede diversa, ma questo non deve essere per noi motivo di odio e diffidenza, ma solo di rispetto", ha detto monsignor Giovanni Silvagni, vicario generale, parlando nel centro islamico di via Ranzani. La comunità islamica bolognese "vuole pubblicamente ringraziare la Chiesa e tutti i parroci e i cittadini bolognesi che hanno presenziato alla preghiera comunitaria", ha detto Yassine Lafram, coordinatore della comunità e presidente Ucoii. "Proseguiamo sempre più convinti nel nostro cammino di pace e fratellanza con i nostri concittadini e ribadiamo con forza che le nostre sale di preghiera rimarranno sempre aperte a tutti, nel segno dell'incontro e della conoscenza", ha concluso. Lo riporta Ansa.


L'attentato

L'attentato alla moschea di Christchurch ad opera del 28enne suprematista Brenton Tarrant ha procurato 50 morti e 36 feriti. Dopo la strage, il governo neozelandese ha vietato la vendita di armi d'assalto, mentre non è stata ancora presa nessuna decisione in merito al bando per le armi semi-automatiche.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La parrocchia di don Jacques Hamel
ANNIVERSARIO

Saint-Étienne ricorda Padre Jacques Hamel

Il calendario delle iniziative per commemorare il sacerdote ucciso dai terroristi
Bruno Siciliano, docente della Federico II e alle spalle il robot RoDyMan

A Ravello prova di cyber-orchestra

Dal podio il robot RoDyMan dirige il concerto delle Conservatorio “Martucci”
Il presidente dimissionario dell'Anac, Raffaele Cantone
POTERE GIUDIZIARIO

Cantone lascia l'Anac

L'annuncio del Presidente in una lettera: "L'Autorità ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma è...
Il grattacielo della Regione Piemonte
INCHIESTA

Grattacielo Regione Piemonte: 10 indagati

Notificato l'avviso di chiusura indagini per l'inchiesta sulla nuova sede regionale
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
La palazzina andata distrutta
PORTOFERRAIO

Esplode casa all'Isola d'Elba: 1 morto

Tre persone sono state estratte vive, ma ferite. Una donna è dispersa
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti