SABATO 20 LUGLIO 2019, 00:37, IN TERRIS

CHIESA E UNIVERSO

Così papa Paolo VI salutò la Luna

Quando, nell'Angelus del 20 luglio 1969, il Pontefice ricordò: "Il progresso sia per il vero bene"

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Paolo VI segue in diretta il programma speciale del Telegiornale
Papa Paolo VI segue in diretta il programma speciale del Telegiornale
S

pesso nei grandi eventi la consapevolezza del peso "storico" delle azioni è offuscata dal processo e solo in un secondo momento ci si rende coscienti della sua portata. Non fu così per papa Paolo VI e tutto il mondo che, il 20 luglio 1969, seguì via cavo l'atterraggio del LEM sulla luna e la susseguente passeggiata di Neil Armstrong ed Edwin Aldrin. L'Osservatore Romano, l'organo di stampa della Santa Sede, riporta la cronistoria dettagliata di tutto l'evento, dalla discesa del LEM sulla luna a quota 15.000 metri sino al particolare - curioso, per la verità - degli arnesi, del costo complessivo di 28 milioni di lire, utilizzati dagli astronauti per scavare e prelevare campioni del suolo lunare e lasciati colà. 


Un giorno storico per l'umanità

"Oggi è un giorno grande, un giorno storico per l'umanità" esordì papa Paolo VI nel breve discorso ai fedeli convenuti a Castel Gandolfo per la recita dell'Angelus - quell'anno, il 20 luglio cadde di domenica. Non era ancora avvenuto l'allunaggio, eppure il Pontefice nutriva grandi speranze per questo sforzo dell'umanità unito al progresso scientifico tipico di quegli anni ferventi: "Noi con tutto il mondo trepidante, esultante e orante, auguriamo che ciò possa avvenire" sottolineò. Per Paolo VI, da sempre sensibile al mistero schiuso nelle applicazioni umane, lo sbarco sulla luna fu l'occasione per meditare, l'assist teologico offerto all'uomo da un cosmo con il "volto muto", riflesso intelligibile dell'infinità di Dio : "Faremo bene a meditare sopra questo straordinario e strabiliante avvenimento; a meditare sul cosmo, che ci apre davanti il suo volto muto, misterioso, nello sconfinato quadro dei secoli innumerevoli e degli spazi misurati". 


Che cos'è l'universo?

È come se da quell'ignoto che Armstrong e Aldrin erano in procinto di "colonizzare" idealmente scaturisse, nella mente del Pontefice, una riflessione profonda sul senso dell'uomo: "Che cos’è l’universo, donde, come, perché? Faremo bene a meditare sull’uomo, sul suo ingegno prodigioso, sul suo coraggio temerario, sul suo progresso fantastico. Dominato dal cosmo come un punto impercettibile, l’uomo col pensiero lo domina. E chi è l’uomo? Chi siamo noi, capaci di tanto? Faremo bene a meditare sul progresso. Oggi, lo sviluppo scientifico ed operativo dell’umanità arriva ad un traguardo che sembrava irraggiungibile: il pensiero e la azione dell’uomo dove potranno ancora arrivare?" Queste domande aperte, suscettibili del fascino insito nell'esplorazione stessa, per Paolo VI furono anche l'occasione per pensare ai pericoli dell'eccessiva ammirazione svuotata di aspirazione: "L’ammirazione, l’entusiasmo, la passione per gli strumenti, per i prodotti dell’ingegno e della mano dell’uomo ci affascinano, forse fino alla follia. E qui è il pericolo: da questa possibile idolatria dello strumento noi dovremo guardarci. È vero che lo strumento moltiplica oltre ogni limite l’efficienza dell’uomo; ma questa efficienza è sempre a suo vantaggio? Lo fa più buono? Più uomo? O non potrebbe lo strumento imprigionare l’uomo che lo produce e renderlo servo del sistema di vita che lo strumento nella sua produzione e nel suo uso impone al proprio padrone?" 


Il vero bene

Con queste domande, le parole del Papa srotolano l'inquietudine dell'uomo del post-Sessantotto, innervata da un progresso veloce, inimmaginabile sino a pochi anni prima. Eppure, Paolo VI non intendeva ridimensionarne la portata. Il suo messaggio era, invece, rivolto alla centralità di quell'uomo stesso: un'invito a non smarrire, nella corsa allo spazio, il fulcro costitutivo della sua passione, vale a dire il cuore: "Tutto ancora dipende dal cuore dell’uomo. Bisogna assolutamente che il cuore dell’uomo diventi tanto più libero, tanto più buono, tanto più religioso, quanto maggiore e pericolosa è la potenza delle macchine, delle armi, degli strumenti che l’uomo mette a propria disposizione". In qualità di guida spirituale, il Pontefice richiama "il bisogno e il dovere che l'uomo ha di dominare se stesso". Erano anni difficili, che nemmeno l'entusiasmo per l'allunaggio non sbiadì. La "festa" dell'uomo sulla luna non avrebbe potuto cancellare i drammi dello stesso sulla terra: erano gli anni della guerra in Vietnam, deii conflitti in Africa e in Medio Oriente. Nel suo equlibrato discorso, il Papa passò in rassegna tutti quei teatri di battaglia, ricordando anche "la fame che affligge intere popolazioni". Per questo, il saluto che il Papa rivolge alla luna è il saluto a un'umanità che, attraverso "questa sublime vittoria" del progresso, possa fare memoria della sua vera missione: "rivolgersi al vero bene temporale e morale dell'umanità". 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Filippo Magnini
NUOTO

Il Tas assolve Magnini: via la squalifica per doping

L'ex nuotatore, due volte campione del mondo, scagionato dalle accuse di tentato uso di sostanze dopanti
La nave da crociera Msc
CROCIERA MSC

Proteste a Cozumel per lo sbarco della nave Msc

L'ok del Messico dopo i "No" di Giamaica e isole Cayman per un caso di influenza a bordo
SUICIDIO ASSISTITO

Choc in Germania: per i giudici togliersi la vita è un diritto

La Corte Costituzionale ha deciso di annullare l'articolo 217 del Codice penale che vietava la possibilità alalle...
Edificio scolastico distrutto dalle bombe
SIRIA

Unicef: "Basta bombardare le scuole a Idlib"

Nell'attacco a 10 scuole sono stati uccisi 12 civili tra bambini e insegnanti
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia
TERREMOTO

Sisma magnitudo 3 nel Golfo di Salerno: la situazione

Tremano anche le Eolie e la Calabria: al momeno non risultano danni a persone o cose
PER USCIRE DALLA CRISI

La ripresa affidata alle start up innovative

In Italia sta funzionando la modalità di costituzione digitale e gratuita delle nuove imprese con pratiche rapide ed...
Etichetta alimenatre

"Spesso buono oltre": la data di scadenza contro lo spreco alimentare

Lidl introduce la nuova etichetta che accompagnerà "Da consumare preferibilmente entro"
Roseto degli Abruzzi
CORONAVIRUS

Primo caso positivo in Abruzzo: è un turista brianzolo

La conferma del contagio arriverà solo con gli esiti del secondo esame dello Spallanzani
Anziano in ospedale
GERMANIA

Chiesa cattolica ed evangelica contro gli aiuti al suicidio

La sentenza Corte costituzionale riapre la possibilità della pubblicità suicidale
Il luogo della sparatoria
WISCONSIN | USA

Sparatoria a Milwaukee, 6 morti tra cui l'aggressore

L'uomo ha ucciso 5 dipendenti e si è suicidato. Trump: "Assassino cattivo"
Bimbo in strada in Giappone
CORONAVIRUS

Cina, decessi minimi da gennaio: ieri 29 morti

In Corea del Sud quasi 1600 contagi. Il Giappone chiude le scuole
Il neonato ricoperto dal padre di banconote
CATANIA E SIRACUSA

Mafia: chiuse 3 piazze di spaccio, 6 arresti

I proventi dello spaccio servivano a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi
Smart working

Lo Smart working per debellare il coronavirus

Tra le grandi possibilità che l’era digitale offre, c’è anche la occasione di lavorare da...