MARTEDÌ 04 AGOSTO 2015, 005:15, IN TERRIS

CONTRO GLI ATTI DI TERRORISMO IN ISRAELE ARRIVA LA CONDANNA DEI RABBINI ITALIANI

Giuseppe Momigliano: "Non è la nostra via, sono gesti contrari a qualunque valore ebraico"

FRANCESCO VOLPI
CONTRO GLI ATTI DI TERRORISMO IN ISRAELE ARRIVA LA CONDANNA DEI RABBINI ITALIANI
CONTRO GLI ATTI DI TERRORISMO IN ISRAELE ARRIVA LA CONDANNA DEI RABBINI ITALIANI
“Le parole più efficaci in linea con quella che è la nostra identità e i valori che vogliamo testimoniare le ha pronunciate il presidente Rivlin: non è la nostra via, non è la via del popolo d’Israele”. Queste le affermazioni di Giuseppe Momigliano, presidente dell'Assemblea dei Rabbini d'Italia, per condannare fermamente, a nome di tutto il rabbinato italiano, i fatti di sangue delle ultime ore: un rogo nel villaggio palestinese di Kfar Douma, dove ha perso la vita il piccolo Ali Saad Dawabsheh, e 'attacco omofobo contro i manifestanti del Gay Pride di Gerusalemme. Il fanatismo religioso è la radice comune dei due orrendi episodi.

Momigliano continua: “Sono gesti contrari a qualsiasi valore ebraico. Per questo è importante che contro questa barbarie si levi una voce forte, un unico fronte che dal rabbinato arriva alla società civile. E che dalle parole si passi immediatamente ai fatti. Quello che sta succedendo in Israele in queste ore fa ben sperare”. Anche il rabbino capo di Roma non ha risparmiato toni forti di condanna: “Tutti questi comportamenti non hanno a niente a che fare con la legge ebraica, la halakhah. Non c’è altro da aggiungere”.

Anche Benedetto Carucci Viterbi, preside delle scuole ebraiche di Roma, tratta questo argomento. Una riflessione che parte dal comandamento Non Uccidere. E il Rav Pierpaolo Pinhas Punturello, rappresentante per l’Italia dell’organizzazione Shavei Israel, incalza: “Il gesto di un haredì che ha accoltellato alcuni manifestanti al Gay Pride di Gerusalemme e il brutale incendio di una casa vicino Ramallah con la conseguente morte di un bambino di 18 mesi schiacciano senza possibilità di respiro gli orizzonti della mia identità ebraica”. Rav Adolfo Locci, rabbino capo di Padova, citando il passo dal Deuteronomio che recita “E amerai l’Eterno tuo Dio”, spiega: “I maestri del Midrash insegnano che questo verso si riferisce all’amore verso Dio che si deve far nascere nelle altre persone, come fece Abramo nostro padre. Non è però sufficiente, per adempiere a questa mitzvà, il nostro personale amore, bisogna considerare soprattutto quello che riusciamo a far scaturire negli altri attraverso il nostro insegnamento e il nostro esempio. Guai a coloro che sono vergogna per la Torah e il popolo di Israele”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"