MERCOLEDÌ 03 GENNAIO 2018, 10:01, IN TERRIS


VATICANO | UDIENZA GENERALE

"Confessiamo i nostri peccati non quelli degli altri"

Il Papa: "Il presuntuoso è incapace di ricevere perdono, sazio com'è della sua presunta giustizia"

FABIO BERETTA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco nel corso dell'Udienza Generale del mercoledì nell'Aula Paolo VI
Papa Francesco nel corso dell'Udienza Generale del mercoledì nell'Aula Paolo VI
"L

e parole che diciamo con la bocca sono accompagnate dal gesto di battersi il petto, riconoscendo che ho peccato proprio per colpa mia, e non di altri". Papa Francesco prosegue la serie di catechesi sulla Santa Messa e, nella prima Udienza Generale del 2018, si sofferma sull'atto penitenziale, rito introduttivo della celebrazione eucaristica. Il Pontefice fa notare come spesso, "per paura o vergogna, puntiamo il dito per accusare altri. Costa ammettere di essere colpevoli, ma ci fa bene confessarlo con sincerità". E a braccio aggiunge: "Confessare i propri peccati! Ricordo un aneddoto che raccontava un vecchio missionario: una donna che andava a confessarsi cominciò a dire gli sbagli del marito, poi gli sbagli della suocera, poi gli sbagli dei vicini. Allora il sacerdote le disse: 'Lei ha finito con i peccati degli altri? Adesso cominci a dire i suoi!'".


"Siamo tutti peccatori"

Papa Bergoglio, accolto da un'ovazione dei circa settemila pellegrini provenienti da tutto il mondo, dopo aver salutato i fedeli, fa notare come l'atto penitenziale "nella sua sobrietà, favorisce l’atteggiamento con cui disporsi a celebrare degnamente i santi misteri", ovvero "riconoscendo davanti a Dio e ai fratelli i nostri peccati". "L’invito del sacerdote infatti è rivolto a tutta la comunità in preghiera, perché tutti siamo peccatori - sottolinea - . Che cosa può donare il Signore a chi ha già il cuore pieno di sé, del proprio successo? Nulla, perché il presuntuoso è incapace di ricevere perdono, sazio com’è della sua presunta giustizia". E aggiunge: "Chi è consapevole delle proprie miserie e abbassa gli occhi con umiltà, sente posarsi su di sé lo sguardo misericordioso di Dio. Sappiamo per esperienza che solo chi sa riconoscere gli sbagli e chiedere scusa riceve la comprensione e il perdono degli altri". Ma per farlo è necessario "ascoltare in silenzio la voce della coscienza": in questa maniera "possiamo riconoscere che i nostri pensieri sono distanti" da quelli di Dio, "che le nostre parole e le nostre azioni sono spesso mondane, guidate cioè da scelte contrarie al Vangelo". Ecco perché all'inizio della Messa, spiega, "compiamo comunitariamente l’atto penitenziale mediante una formula di confessione generale, pronunciata alla prima persona singolare". Tutti confessano a Dio “di avere molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni”. E spiega: "Spesso ci sentiamo bravi e diciamo: 'Non ho fatto male a nessuno'. In realtà, non basta non fare del male al prossimo, occorre scegliere di fare il bene cogliendo le occasioni per dare buona testimonianza che siamo discepoli di Gesù".


"Costa ammettere di essere colpevoli"

Il Pontefice sottolinea poi che nel "Confesso" i peccati vengono presentati "sia a Dio che ai fratelli": "Questo ci aiuta a comprendere la dimensione del peccato che, mentre ci separa da Dio, ci divide anche dai nostri fratelli, e viceversa". E aggiunge: "Le parole che diciamo con la bocca sono accompagnate dal gesto di battersi il petto, riconoscendo che ho peccato proprio per colpa mia, e non di altri. Capita spesso infatti che, per paura o vergogna, puntiamo il dito per accusare altri. Costa ammettere di essere colpevoli, ma ci fa bene confessarlo con sincerità". Passa poi a spiegare il motivo per cui "supplichiamo la Beata Vergine Maria, gli Angeli e i Santi": "l’intercessione di questi 'amici e modelli di vita' ci sostiene nel cammino verso la piena comunione con Dio, quando il peccato sarà definitivamente annientato".


L'assoluzione

L’atto penitenziale si conclude con l’assoluzione del sacerdote, "che invoca Dio onnipotente affinché 'abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna'". Un assoluzione, sottolinea il Papa, che "non ha lo stesso valore del sacramento della Penitenza". Infatti, "ci sono peccati gravi, detti anche mortali perché fanno morire in noi la vita divina, i quali per essere perdonati hanno bisogno della Confessione e assoluzione sacramentale". E conclude: "Misurarsi con la fragilità dell’argilla di cui siamo impastati è un’esperienza che ci fortifica: mentre ci fa fare i conti con la nostra debolezza, ci apre il cuore a invocare la misericordia divina che trasforma e converte".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
VATICANO | UDIENZA GENERALE

"La Messa è una sinfonia orante di parole e silenzi"

Papa Francesco invita genitori e nonni a insegnare ai bambini "a fare bene il segno della croce"

Papa Francesco nell'Aula Paolo VI, in Vaticano, per l'Udienza Generale
Quando inizia la Messa entriamo in una “'sinfonia' nella quale risuonano varie tonalità di voci, compreso tempi di...
NEWS
Laboratorio
NASCITE

Solo il 5% dei bimbi nati da gameti italiani

Nel 95% dei casi i donatori per la procreazione eterologa provengono dall’estero
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
Il Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu
DIPLOMAZIA

Ministro turco: "L'Italia ci aiuti con i terroristi"

"L’embargo sulle armi porterà un vulnus nelle relazioni italo-turche"
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Bandiera cilena
CILE

Sale a 10 il numero delle vittime

Il Presidente Piñera: "Siamo in guerra". Arrestate 152 persone per violenze
L'Aula del Senato

Un centro che sia centro

Il meeting della Leopolda organizzato dall’ex premier Renzi, è stato tutto rivolto al messaggio da...