MERCOLEDÌ 27 MAGGIO 2015, 004:30, IN TERRIS

CINA, IL PARTITO COMUNISTA MINACCIA DI PUNIRE I MEMBRI CHE CREDONO IN DIO

I cittadini cinesi “hanno la libertà religiosa, ma i funzionari comunisti non sono cittadini normali: sono combattenti per l’avanzamento della coscienza comunista”

REDAZIONE
CINA, IL PARTITO COMUNISTA MINACCIA DI PUNIRE I MEMBRI CHE CREDONO IN DIO
CINA, IL PARTITO COMUNISTA MINACCIA DI PUNIRE I MEMBRI CHE CREDONO IN DIO
In Cina ormai da anni cresce il numero di funzionari comunisti che si convertono e approdano a qualche religione, nonostante le autorità cercano di negarlo: le stime indicano un 10% di aderenti al Pcc che in segreto frequentano chiese e templi, anche con zelo e fervore. “Esiste un piccolo numero di persone che ha dimenticato la visione del mondo predicata dai teorici del comunismo. Queste persone si sono rivolte alla religione, e questo fatto ora crea seria preoccupazione. Ora sono nel mirino della Commissione disciplinare, così si legge in un articolo del bollettino interno della Commissione centrale per la disciplina e l’ispezione del Partito comunista, organo che ha il potere di aprire indagini ed espellere coloro che infrangono le regole. In questo paese infatti i cittadini “hanno la libertà religiosa, ma i funzionari comunisti non hanno le stesse prerogative delle persone normali: sono infatti visti come dei combattenti per l’avanzamento della coscienza comunista” e sono previste “serie misure” per chi infrange la norme.

“Nel nostro lavoro missionario – spiega il pastore protestante Liu Fenggang di Pechino a Radio Free Asia – veniamo spesso a contatto con questa realtà. Sono molti anni ormai che molti funzionari del governo e del Partito, insieme alle loro famiglie, si convertono a Gesù”. Per il pastore, alla base di questa conversione vi sono “i molti errori politici che hanno commesso. Errori che continuano ancora oggi, con la persecuzione delle nostre chiese da parte delle forze dell’ateismo e la demolizione delle nostre croci”

Il governo cinese riconosce solamente cinque religioni: cattolici, protestanti, buddisti, taoisti, musulmani mentre l’ebraismo non è una religione riconosciuta e frequentare templi di culti che non rientrano in questa lista è contro la legge. I fedeli di tutti questi gruppi devono registrarsi presso le organizzazioni statali che controllano le religioni, oppure sono costretti a vivere la propria fede con gravi limitazioni e correndo gravi rischi. L'ebraismo non rientra in queste categorie ma, anche senza approvazione, i pochissimi ebrei residenti nel Paese sono tollerati nella pratica religiosa. Il 1992, con l'apertura di canali diplomatici diretti fra Cina e Israele, ha segnato un punto di svolta positivo per il ritorno dell'ebraismo in Cina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti