VENERDÌ 19 GIUGNO 2015, 12:28, IN TERRIS

CINA, IL GOVERNO PROIBISCE DIGIUNI E ATTIVITA' RELIGIOSE IN XINJIANG DURANTE IL RAMADAN

MANUELA PETRINI
CINA, IL GOVERNO PROIBISCE DIGIUNI E ATTIVITA' RELIGIOSE IN XINJIANG DURANTE IL RAMADAN
CINA, IL GOVERNO PROIBISCE DIGIUNI E ATTIVITA' RELIGIOSE IN XINJIANG DURANTE IL RAMADAN
E' iniziato ieri il Ramadan, il mese sacro dei musulmani che prevede l'astensione dal cibo dall'alba al tramonto. E proprio in quest'occasione Pechino ha deciso di dare un nuovo giro di vite alla regione dello Xinjiang, dove vivono milioni di uiguri di fede islamica. Il governo cinese ha ordinato a funzionari pubblici, agli studenti e agli insegnanti della provincia di "non digiunare" durante il mese del Ramadan. Le autorità locali hanno inoltre imposto ai ristoranti di rimanere aperti, mentre in alcune zone - dove la comunità musulmana di etnia uigura è numerosa - sono state proibite "le veglie e altre attività religiose".

Inoltre le autorità delle singole province hanno inviato i dipendenti della pubblica sicurezza anche nelle abitazioni private "per insegnare alle famiglie a non digiunare e a non partecipare ad attività religiose collegate con il Ramadan", mentre le scuole pubbliche hanno annunciato che agli studenti e agli insegnanti "non sarà permesso saltare i pasti". "Una provocazione mirata, che non farà altro che peggiorare l'instabilità e la situazione conflittuale dello Xinjang", così Dilxat Rexit, portavoce del congresso mondiale degli uiguri esiliato in Germania, ha commentato le rigide disposizioni emesse dal governo di Pechino. La regione dello Xinjiang ha circa 22 milioni di abitanti, di cui quasi nove milione sono uiguri di fede islamica. La zona è nota da tempo per le tensioni provocate dalle restrittive politiche etniche e religiose imposte dal governo cinese, che considera la provincia un potenziale bacino di terrorismo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"