GIOVEDÌ 20 DICEMBRE 2018, 10:13, IN TERRIS

NIGER

Chiusa per ragioni di sicurezza la missione di padre Maccalli

Un confratello del sacerdote rapito ad Aiuto alla Chiesa che Soffre: "Sarà un Natale che richiama la sua testimonianza"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Padre Pierluigi Maccalli
Padre Pierluigi Maccalli
Q

uesto sarà un Natale senza padre Pierluigi Maccalli per la piccola comunità della missione di Bamoanga, a circa 125 chilometri dalla capitale Niamey. Sono passati ormai più di tre mesi da quando il 17 settembre, il missionario italiano è stato rapito, presumibilmente da jihadisti di etnia fulani. "Purtroppo non ci sono ancora novità", dichiara a ad Aiuto alla Chiesa che Soffre padre Mauro Armanino, confratello di padre Maccalli. Intanto la missione del sacerdote cremonese è stata momentaneamente chiusa, assieme ad altre nella porzione del Niger al confine con il Burkina Faso. "I 'bianchi' sono dovuti andar via dall’area, per motivi di sicurezza", spiega padre Armanino. La situazione nell’area è gravemente peggiorata in questa regione in cui è stata rilevata la presenza di fondamentalisti di etnia peul (nome locale con il quale vengono identificati i fulani).

Ma nonostante le difficoltà la piccola comunità cristiana locale non è stata abbandonata. "Vi sono dei sacerdoti africani che assicurano la cura pastorale e che visitano spesso le altre comunità e che risiedono nella parrocchia principale di Makalondi". Lì si trova anche padre John Dass, il sacerdote indiano presente al momento del rapimento. È proprio lui che continua a prendersi cura della comunità di padre Gigi, anche se non può più trascorrere la notte alla missione. Per motivi di sicurezza, non vi sarà probabilmente neanche la veglia di Natale, un’ulteriore mancanza che si aggiunge a quella di padre Maccalli. "La sua assenza diverrà una presenza ancor più forte", aggiunge padre Armanino, che racconta il dolore della comunità di Bamoanga. "È la sofferenza di chi è abituato a soffrire, di chi lotta ogni giorno per la sopravvivenza, ma comunque soffre per la lontananza del proprio pastore".

Tanti i Natali trascorsi insieme da padre Armanino e Padre Maccalli, prima in missione in Costa d’Avorio e poi in Niger. "Pierluigi scrive sempre delle lettere molto belle in occasione della nascita di Gesù". Il religioso ricorda in particolar modo quella dello scorso anno in cui padre Maccalli descriveva il Natale come un intreccio di gioie e pene, paragonandolo alla missione, in quanto intreccio di esperienze ed emozioni forti che raccontano la bellezza dell’avventura umana. "Una lettera rivelatasi quasi profetica, in cui parlava di speranza. La speranza che noi oggi non vogliamo abbandonare. In questo Natale l’assenza di Pierluigi richiama la sua testimonianza, che ha una portata straordinaria. Lui sapeva accompagnare la sua comunità con delicatezza e fermezza, offrendo loro la certezza che mai li avrebbe abbandonati".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
I soccorsi a Rigopiano
COMMEMORAZIONE

"Aspettiamo ancora giustizia"

Nel terzo anniversario della tragedia di Rigopiano i familiari delle 29 vittime aspettano di conoscere la verità
Maximilien de Robespierre

Chi semina vento raccoglie tempesta

Tiene ancora banco tra i media la vicenda della pentastellata Elisabetta Trenta ex ministro della difesa, a causa...
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Emmanuel Macron
FRANCIA

Parigi, dura contestazione contro Macron

Una trentina di manifestanti tentano un blitz al Theatre Bouffes du Nord: nel mirino la riforma delle pensioni
Laboratorio

La madre di tutte le battaglie

Purtroppo, ormai da molto tempo, gli attacchi ai valori antropologici che costituiscono il fondamento di una...
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
I segni di tortura sulla schiena di uno dei minori salvati - Foto © Melquiadez Vásquez per Panamá América
PANAMA

Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

La scoperta shock del 'rituale satanico': i sopravvissuti legati e percossi fino alla morte
UDIENZA ECUMENICA

Papa: "Chi offre ospitalità diventa più ricco"

Appello di Francesco alla Chiesa Luterana: ""Camminiamo insieme come messaggeri di umanità"
Ali Khamenei
IRAN

Khamenei guida la preghiera, folla a Teheran

L'ayatollah torna dopo otto anni a parlare durante la preghiera del venerdì: "Nucleare? Il dialogo con...