SABATO 01 GIUGNO 2019, 00:01, IN TERRIS

Chi sono i martiri romeni che il Papa sta per beatificare

Viaggio a ritroso in un Paese in cui la furia ateista colpì con violenza i cristiani

MARCO GUERRA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Vescovo Vasile Aftenie, uno dei martiri che sarà beatificato da Papa Francesco
Vescovo Vasile Aftenie, uno dei martiri che sarà beatificato da Papa Francesco
L

a beatificazione dei sette vescovi greco-cattolici martiri del regime comunista sarà uno dei passaggi cruciali del viaggio apostolico di Papa Francesco in Romania. Domenica 2 giugno il Pontefice sarà a Blaj, nella regione della Transilvania, dove celebrerà la Messa per la loro beatificazione, in rito bizantino, presso il “Campo della Libertà”. La liturgia avverrà nel segno di quell’ecumenismo del sangue che unisce le Chiese cristiane dell’Est Europa che ancora portano i segni di decenni di persecuzioni perperpetrate dai governi che rientravano nell’orbita sovietica. La furia del comunismo romeno però si concentrò con maggiore efferatezza contro i cristiani fedeli alla Chiesa di Roma, l’obiettivo era quello di far passare tutta la minoranza cattolica alla Chiesa ortodossa locale che, essendo autocefala, poteva essere più facilmente controlla ed eterodiretta dai vertici del partito. I cattolici erano visti invece come la quinta colonna del mondo occidentale. Le pressioni, che poi si acuirono fino a diventare sanguinose persecuzioni, iniziarono non appena finita la seconda guerra mondiale, ovvero quando si comprese che i carri armati sovietici non si sarebbero mai ritirati dal suolo della Romania. Nel 1947 fu deposto il re Michele I e nel ’48 fu fondata la Repubblica Popolare Romena; nel frattempo il sistema del socialismo reale ateista stringeva la sua morsa intorno a tutte le confessioni cristiane, infatti sempre nel 1948 la Chiesa greco-cattolica venne soppressa con un decreto legge e fu espropriata di tutti i suoi beni. Le scuole cattoliche furono poste sotto il controllo del ministero della Pubblica Istruzione, mentre le proprietà ecclesiastiche passarono sotto il ministero delle Politiche agricole.


Il martirio dei cattolici

In una recente intervista a VaticanNews, mons. Claudiu Pop, vescovo di Curia dell’Archieparchia Maggiore della Chiesa Greco-Cattolica di Romania, ha raccontato quale fu la scelta davanti la quale fu messo il clero cattolico: “Quando il comunismo è arrivato in Romania, il primo tentativo è stata la proposta di lasciare la fede cattolica e passare alla Chiesa ortodossa. Quando si resero conto che nessuno di loro era disposto a cedere, sono passati alle maniere forti e hanno imprigionato tutti i vescovi […]. E anche lì sono continuati i tentativi di convincerli. Vedendo che anche questi tentativi, nonostante un periodo di perdita della libertà, non andavano in porto, sono passati alle maniere forti”. I pastori che saranno beatificati domenica decisero di restare in comunione con Roma accettando consapevolmente un lungo martirio fino alla fine dei loro giorni. Questi sono Vasile Aftenie (1899-1950), vescovo titolare di Ulpiana e vescovo ausiliare dell’Arcieparchia di Alba Iulia e Făgăraș; Valeriu Traian Frenţiu (1875-1952), vescovo di Oradea; Ioan Suciu (1907-1953), amministratore apostolico dell’Arcieparchia di Alba Iulia e Făgăraș; Tit Liviu Chinezu (1904-1955) vescovo ausiliare dell’Arcieparchia di Alba Iulia e Făgăraș; Ioan Bălan (1880-1959), vescovo di Lugoj; Alexandru Rosu (1884-1963), vescovo di Maramureș e Iuliu Hossu (1885-1970), vescovo di Cluj Gherla. Tutti subirono orrende torture e un regime carcerario durissimo che li portò alla morte. Per alcuni di loro non fu nemmeno celebrato un regolare processo e di conseguenza non fu mai emessa una condanna. Inoltre, come nel caso di Vasile Aftenie, i loro riti funebri furono celebrati in gran segreto e inizialmente sui luoghi di sepoltura non fu possibile mettere alcun segno religioso.


Vietato riportare la parola "Dio"

Sopravvissero alcuni piccoli focolari animati dal clero cattolico e nei decenni successivi ad un ristretto numero di giovani romeni fu consentito di formarsi in seminario per diventare sacerdoti, tuttavia a decidere quanti avrebbero potuto rispondere alla chiamata vocazionale erano dei commissari politichi che controllavano l’attività della Chiesa. La furia ateista ovviamente colpì anche migliaia di laici sia cattolici che ortodossi e portò alla rimozione delle fede anche in ambito culturale, in molti libri di testo scolastici fu persino vietato riportare la parola “Dio”. Non a caso Papa Fracesco nell’incontro di venerdì con il patriarca Daniel ha parlato di “fraternità di sangue precede e sostiene i cristiani”. “Qui, come in tanti altri luoghi ai nostri tempi, - ha detto il Santo Padre  – avete sperimentato la Pasqua di morte e risurrezione: tanti figli e figlie di questo Paese, di varie Chiese e comunità cristiane, hanno subito il venerdì della persecuzione, hanno attraversato il sabato del silenzio, hanno vissuto la domenica della rinascita”. “Quanti martiri e confessori della fede! – ha proseguito Francesco - Molti, di diverse confessioni, sono stati in tempi recenti l’uno accanto all’altro nelle prigioni sostenendosi a vicenda”. Oggi la comunità cattolica rappresenta circa il 6% della popolazione romena ed è composta da due rami diversi: quello romano-cattolico di rito latino, con circa un milione di fedeli e con sede metropolitana a Bucarest; e la comunità greco-cattolica di rito bizantino romeno, animata da circa 200mila fedeli, con sede metropolitana a Blaj, in Transilvania. Le due Chiese sono organizzate ciascuna in sei diocesi e i vescovi sono riuniti in una unica Conferenza episcopale.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern
Il blitz nel quartiere romano di San Basilio
SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Maxi blitz anti droga a San Basilio: 21 arresti

Legami anche con la 'ndrina calabrese Marando di Platì
Clochard (immagine di repertorio)
NOVARA

Uomo trovato morto su una panchina: ipotesi suicidio

Inizialmente si pensava si trattasse di un clochard morto per ipotermia, notizia poi smentita
VIOLENZA

Orrore in Pakistan, bimba violentata e uccisa

Dopo gli abusi, i due malviventi l'hanno affogata
VATICANO

Come stanno davvero le cose fra i due Papi

La fruttuosa coabitazione tra il Pontefice regnante Jorge Mario Bergoglio e quello emerito Joseph Ratzinger: Perché...
La palazzina crollata
CATANIA

Crolla palazzina: evacuate 7 persone

Non ci sarebbero né vittime né feriti, si cercano dispersi in via precauzionale
Cyberbullismo
PIEMONTE

Cyberbullismo: al via una ricerca pilota in 48 scuole

Si tratta della prima ricerca sul campo per studiare il fenomeno delle molestie tra minori in rete
Tasse

Pagare tasse sulle tasse

Le tasse italiane, tra i vari paesi del mondo, hanno delle peculiarità proprie che nessuno può vantare:...
Aerei Alitalia

Alitalia, il nodo irrisolto dell'economia italiana

Quella di Alitalia, ormai, più che una vicenda industriale sembra sempre più un romanzo a puntate, tipico...
Le Sardine a Bologna
VERSO LE REGIONALI

Sardine a Bologna: "Siamo 40 mila"

Raduno a una settimana dalle elezioni in Emilia-Romagna. Santori: "Risvegliato il senso civico"
I leader presenti al summit di Berlino
IL SUMMIT

Libia, tutti d'accordo a Berlino: sì alla soluzione politica

Approvata la risoluzione finale della Conferenza: ok all'embargo sulle armi e al monitoraggio