VENERDÌ 05 GIUGNO 2015, 17:39, IN TERRIS

CATTOLICI IN LUTTO PER LA MORTE DI SORELLA RITA, LA “MADRE TERESA DELLO SRI LANKA”

Fondò 30 anni fa col marito il “Marc Sri”, istituto cattolico per anziani e bambini in difficoltà

MILENA CASTIGLI
CATTOLICI IN LUTTO PER LA MORTE DI SORELLA RITA, LA “MADRE TERESA DELLO SRI LANKA”
CATTOLICI IN LUTTO PER LA MORTE DI SORELLA RITA, LA “MADRE TERESA DELLO SRI LANKA”
“Una grande donna, che ha vissuto tutta la sua vita nell’amore per il prossimo, portando consolazione a centinaia di poveri, malati e persone sole senza alcuna distinzione". Così, chi l’ha conosciuta, descrive Rita Perera, meglio conosciuta come “sorella Rita” o “la Madre Teresa dello Sri Lanka", morta lo scorso 27 maggio a 73 anni. “Non riusciamo a sopportare il dolore della dipartita della nostra cara Amma (madre) – raccontano i membri delle 11 case che compongono il Marc Sri - Non possiamo dimenticare il suo amore. Sorella Rita non si è mai vantata di nulla, non ha mai parlato a vanvera. Non ha mai detto che qualcosa era impossibile ma ha fatto ogni sacrificio per amore dei suoi figli. Per tutto questo lei è la nostra Madre Teresa dello Sri Lanka”.

Rita Perera prende ancora giovane i voti per entrare nelle Sorelle della carità, servendo come insegnante: ma negli anni ’60 è costretta a rinunciare ai voti a causa di seri problemi di salute. La donna ha dovuto subire, infatti, 15 operazioni chirurgiche. Dopo aver abbandonato l’ordine, il primo dicembre 1971 Rita si sposa a Kalutara con Marcus Perera. Insieme al marito fonda l’opera che ha portato avanti fino ad oggi: l’istituto “Marc Sri”, che da oltre 30 anni accoglie anziani e bambini in difficoltà.

Marcus muore il cinque marzo 1982 e da quel giorno Rita si dedica ancor di più alla sua vocazione per la carità. Anche se non ha avuto figli naturali, “sorella Rita” è stata madre per moltissimi bisognosi che sono stati accolti da lei con amore e protezione. All’interno del “Marc Sri”, Rita Perera incontra e consiglia moltissimi genitori che hanno abbandonato, ucciso o venduto i figli poco dopo la nascita. Aiuta inoltre padri e madri che non riescono ad affrontare la disabilità dei figli e li abbandonano. Molti di loro li consegnano a Rita, perché lei se ne prenda cura, come è successo a Dulanjali Ariyathilake, nata senza entrambe le braccia, che ora, a 17 anni, studia per diventare una grafica. Al Marc Sri ha imparato a tenere gli oggetti con il piede destro nonostante sia bloccata su una sedia a rotelle.

Suor Deepa Fernando ha conosciuto personalmente “sorella Rita” e racconta: “quando ero a capo del convento della Sacra Famiglia a Kalutara, il ‘Marc Sri’ di Rita era molto vicino. Ricordo ancora la sua voce gentile e vibrante. Un giorno le chiesi se poteva prendersi cura di un uomo anziano, che viveva di fronte alla nostra scuola come un barbone, e lei accettò senza la minima incertezza”. “Ricordo ancora – racconta suor Deepa – di quanto fossero brutte le condizioni di quell’anziano, ma dopo due mesi sono andato a trovare sorella Rita e l’ho visto mentre faceva dei lavori nel giardino della casa e sono stata molto felice di vedere quell’uomo, che era molto debole, in forze”.

La religiosa racconta di aver mandato “molte persone anziane e sole al ‘Marc Sri’. Non mi dimenticherò mai di come sorella Rita si prendeva cura di tutti coloro che riposavano nei suoi ricoveri. Quello che ho capito della sua vita – afferma la suora – è che tutta la sua missione non consisteva in altro che non fosse la sua fede e la sua totale dipendenza da Dio Padre. Senza dubbio possiamo dire che sorella Rita è stata la Madre Teresa dello Sri Lanka”.

Mahinda Namal, una attivista cattolica per i diritti umani, racconta: “È stato un grande esempio per tutti coloro che praticano la carità e per tutti coloro che gestiscono delle case per ragazzi e per anziani in Sri Lanka. Sorella Rita ha mandato avanti tutte le sue case grazie alla generosità di benefattori locali e stranieri. Non ha mai mandato richieste di soldi o di materiale per le sue case, ma ha vissuto una vita di preghiera e di fede nel Signore. Con le benedizioni di Dio, Rita è stata anche esaudita di tutte le sue richieste”. Questa donna, aggiunge, “trattava ogni persona senza distinzione. Ha sempre detto che erano tutti figli suoi (i bambini) e suoi fratelli (gli adulti). Ora sappiamo solo una cosa, che Rita è andata dritta nelle braccia di Dio. Ora – conclude - sarà sempre una benedizione per tutti noi”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"