MERCOLEDÌ 13 FEBBRAIO 2019, 16:05, IN TERRIS


VATICANO

Cattolici ed ortodossi russi uniti sulla difesa della vita

Il Card. Koch e mons. Paglia hanno partecipato ad una conferenza a Mosca a tre anni dall'incontro dell'Avana

NICO SPUNTONI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Card. Kurt Koch
Card. Kurt Koch

Mosca si è tenuta la Conferenza internazionale “La morte e il morire in una società tecnologica: tra biomedicina e spiritualità” per il terzo anniversario dell’incontro tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill nella sala d'attesa dell'aeroporto L’Avana. 


L'incontro

Il fine vita è stato il tema centrale dell'incontro che ha visto la partecipazione del Cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani e di monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia accademia per la vita. Quello del fine vita è "sempre stata una sfida, dato che l’uomo è l’unica creatura consapevole della propria condizione mortale", ha detto il Cardinale Kurt Koch. "Questa sfida si presenta oggi in una nuova forma grazie ai progressi nella conoscenza e nella tecnologia medica". Il porporato ha continuato: "Nelle società moderne, la morte di solito si verifica in ospedale, ed è spesso il risultato di una decisione medica, sia che si tratti della cessazione di un trattamento, sia del non inizio dello stesso". 


Convergenza

Il presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani ha sottolineato come il pensiero della Chiesa cattolica sull'argomento sia in sintonia con quello del Patriarcato Ortodosso Russo espresso nei Fondamenti di dottrina sociale adottati nel 2000 dopo l'approvazione del Sinodo. Nella relazione "A servizio della dignità dell’uomo, chiamato alla vita", monsignor Vincenzo Paglia ha citato la lettera "Humana communitas" redatta da Papa Francesco. "Una globalizzazione senza l’ispirazione cristiana - ha affermato il presule - è povera di amore e in preda ai conflitti; e il compito del mondo cristiano consiste nel rimettere al centro le relazioni tra le persone". Parlando delle cure palliative, il presidente della Pontificia accademia per la vita "ricollocano la persona sofferente, anche quella che si appresta al passaggio della morte, dentro le sue relazioni fondamentali, familiari e sociali".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...