GIOVEDÌ 21 FEBBRAIO 2019, 11:15, IN TERRIS


PROTEZIONE DEI MINORI

Card. Tagle: "Scandalo abusi ha ferito il nostro popolo"

La prima relazione del summit è del porporato filippino

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
 Cardinale Luis Antonio Tagle
Cardinale Luis Antonio Tagle
"L

a nostra mancanza di risposta alla sofferenza delle vittime, anche al punto di respingerli, e di coprire lo scandalo per proteggere gli autori e l'istituzione, ha ferito il nostro popolo". Lo ha detto il Cardinale Luis Antonio Tagle nella sua relazione, la prima del summit sulla protezione dei minori nella Chiesa che si è aperto questa mattina in Vaticano. Un discorso intenso, quello del porporato filippino, che si è quasi commosso nel pronunciarlo. 


La sofferenza

"Le ferite di Cristo - ha affermato Tagle - portano il ricordo della sofferenza degli innocenti, ma anche il ricordo della nostra debolezza e del nostro peccato". "Come possiamo  - si è chiesto l'Arcivescovo di Manila - professare la nostra fede in Cristo se chiudiamo gli occhi di fronte a tutte le ferite causate dagli abusi?". Il Cardinale filippino ha detto che per "riconoscere gli errori ed offrire una testimonianza autentica e credibile della nostra fede nella risurrezione", occorre che "ognuno di noi e dei nostri fratelli e sorelle, deve assumersi la responsabilità personale per la guarigione di queste ferite nel corpo di Cristo e prendere un fermo impegno a fare tutto ciò che è nella nostra capacità".


Aiutare le vittime

In primis, è necessario aiutare le vittime a riprendersi dalle ferite degli abusi" perché "la giustizia è necessaria, ma da sola non guarisce, non cura il cuore umano spezzato, le profonde emozioni che si trovano nei cuori così gravemente colpite". "Dobbiamo essere consapevoli - ha aggiunto - che le vittime sopravvissute soffrono di grande stress e sofferenza, un aumento di ansia e depressione, scarsa autostima, soffrono i conflitti interpersonali che sorgono a causa di questo crollo interno che hanno".


Giustizia e perdono

Le parole chiave sono giustizia e perdono: "Dobbiamo - ha affermato Tagle - concentrarci su entrambi gli elementi, giustizia e perdono allo stesso tempo. Dobbiamo aiutare le vittime ad esprimere il loro profondo dolore e aiutarle a guarire. Riguardo ai molestatori, dobbiamo fare giustizia e aiutarli ad affrontare la verità senza razionalizzazioni, ma allo stesso tempo non dobbiamo trascurare il loro mondo interiore".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un aereo Alitalia
TRASPORTI

Alitalia, Fs sceglie Atlantia

Erano quattro le offerte sul tavolo. Fuori la Toto, c'è l'Spa con Mef e Delta
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"