VENERDÌ 02 SETTEMBRE 2016, 003:28, IN TERRIS

CANONIZZAZIONE, I VESCOVI INDIANI: "MADRE TERESA E' UNA SANTA DEL NOSTRO POPOLO"

Il Segretario generale della Conferenza episcopale indiana, mons. Theodore Mascarenhas: "Siamo grati al governo per il sostegno alla cerimonia del 4 settembre in Vaticano"

AUTORE OSPITE
CANONIZZAZIONE, I VESCOVI INDIANI:
CANONIZZAZIONE, I VESCOVI INDIANI: "MADRE TERESA E' UNA SANTA DEL NOSTRO POPOLO"
A pochi giorni dalla cerimonia che eleverà agli onori degli altari Madre Teresa di Calcutta, il Segretario generale della Conferenza episcopale indiana, il vescovo mons. Theodore Mascarenhas, presentando a Delhi la figura della suora eha affermato:"La canonizzazione di Madre Teresa è un evento importante per l'India. Siamo grati al governo per il sostegno alla cerimonia del 4 settembre in Vaticano. E' un giorno importante per il mondo, in particolare per gli indiani, dato che la Madre è venuta qui dall'Albania a seminare i valori del Vangelo per raggiungere milioni di persone nelle periferie, andando oltre i confini di casta, credo e religione".

"In India siamo diventati più ricchi grazie della sua povertà e grazie alla sua umiltà, siamo benedetti grazie alla sua compassione. Ha vissuto in mezzo a noi donando a piene mani misericordia a tutti coloro che ne avevano bisogno - ha proseguito il presule -. Madre Teresa ha fuso i valori del Vangelo con i valori indiani, dedicandosi ai più poveri tra i poveri. E il Primo Ministro indiano Narenda Modi ha detto quello che molti indiani pensano: Madre Teresa è una santa 'nostra'."

L'arcivescovo di Delhi, Anil Couto, illustrando le diverse fasi del processo di beatificazione e canonizzazione, ha ricordato che "non è il Papa che dona santità, ma Dio solo, mentre il Papa facilita il processo per conto della Chiesa e del popolo di Dio". Madre Teresa era stata dichiarata 'Serva di Dio' nel 2003: "Oggi esultiamo per la proclamazione della sua santità che tocca nel profondo il nostro Paese e la nostra Chiesa, nell'Anno della misericordia", aggiunge mons. Couto.

"Madre Teresa continua ad ispirare la Caritas India, nell'impegno di raggiungere i più bisognosi ed emarginati con amore e compassione" ha detto padre Paul Moonjely, vicedirettore esecutivo della Caritas India che oggi fornisce assistenza, cibo, vestiario, riparo e conforto a 6 milioni di persone in difficoltà in India come sfollati, dalit, tribali, disabili e migranti. "Sul suo esempio abbiamo scelto il motto: 'Non lasciare nessuno indietro', scegliendo di occuparci degli esclusi e dei disagiati in ogni angolo del paese", ha concluso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Venti forti sull'Italia
MALTEMPO

Venti forti e freddo artico: temperature in calo in Italia

Da sabato 20 gennaio netto peggioramento delle condizioni climatiche
Marco Cappato
MILANO

Il pm chiede l'assoluzione per Marco Cappato

L'esponente radicale nel febbraio 2017 portò Dj Fabo a morire in Svizzera
Calciatori
CALCIOMERCATO

Coloro che fecero i "grandi rifiuti"

Da Gigi Riva a Kakà, ecco i calciatori che come Verdi hanno detto "no" ad offerte allettanti
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
ANTICIPAZIONI

Mattarella mette in guardia dall'astensionismo

Intervista a Famiglia Cristiana per i 70 anni della Costituzione
Antonio Tajani
STRASBURGO

Tajani: "Moscovici non parla a nome dell'Ue"

Il presidente ha sottolineato che "le istituzioni europee non devono interferire"
L'indagine è stata condotta dai carabinieri di Pompei
POMPEI

Sgominata gang di borseggiatrici

Oltre 70 colpi in sei mesi: la banda composta quasi esclusivamente da donne