GIOVEDÌ 03 SETTEMBRE 2015, 13:00, IN TERRIS

BERGOGLIO A SANTA MARTA: "L'UMILTA' E LO STUPORE APRONO IL CUORE ALL'INCONTRO CON CRISTO"

Nella sua riflessione il Pontefice ha sottolineato l'importanza e la grazia di riconoscersi peccatori

AUTORE OSPITE
BERGOGLIO A SANTA MARTA:
BERGOGLIO A SANTA MARTA: "L'UMILTA' E LO STUPORE APRONO IL CUORE ALL'INCONTRO CON CRISTO"


Nell'omelia di questa mattina a casa Santa Marta il Pontefice ha commentato il Vangelo della pesca miracolosa in cui l'apostolo Pietro getta le reti fidandosi di Gesù anche dopo una notte trascorsa senza far nulla. A riguardo Francesco ha parlato della fede come incontro con il Signore: "Innanzitutto a me piace pensare che la maggior parte del suo tempo Gesù lo passava sulle strade, con la gente; poi in tarda serata se ne andava da solo a pregare, ma incontrava le persone".

Da parte nostra, abbiamo due modi di incontrare il Signore. Il primo è quello di Pietro, degli apostoli, del popolo: "Il Vangelo usa la stessa parola per questa gente, per il popolo, per gli apostoli, per Pietro, sono rimasti 'stupiti'. 'Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli’." Un altro gruppo, spiega Bergoglio, ascoltava il Signore e faceva i suoi calcoli: "Ma è intelligente, è un uomo che dice le cose vere, ma a noi non convengono queste cose, no, eh!". E in questo modo prendeva le distanze da Cristo.

Gli stessi demoni, osserva il Papa, confessavano, cioè proclamavano che Gesù era il “Figlio di Dio”, ma come i dottori della legge e i cattivi farisei "non avevano la capacità dello stupore, erano chiusi nella loro sufficienza, nella loro superbia. Pietro riconosce che Gesù è il Messia ma confessa anche di essere un peccatore: “I demoni arrivano a dire la verità su di Lui, ma su di loro non dicono nulla. Non possono: la superbia è tanto grande che gli impedisce di dirlo. L’incapacità di riconoscerci peccatori ci allontana dalla vera confessione di Gesù Cristo. E questa è la differenza".

Ciò che apre il cuore allo stupore è proprio questa capacità di riconoscersi fragili. "Anche nelle nostre parrocchie, nelle nostre società quante persone sono capaci di dire che Gesù è il Signore? Tante! Ma quanto è più difficile dire sinceramente: 'Sono un peccatore, sono una peccatrice’. E’ più facile dirlo degli altri, eh? Quando si chiacchiera. Tutti siamo dottori in questo, vero?". Per arrivare a un vero incontro con Gesù, sottolinea il Papa, è necessaria la doppia confessione: "Tu sei il Figlio di Dio e io sono un peccatore", una dichiarazione che non sia solo teorica, ma concreta, chiamando per nome i peccati.

Concludendo il Santo Padre torna a parlare di Pietro come l'esempio da seguire: per un momento "dimentica lo stupore dell'incontro e rinnega il Signore, ma poiché è umile, si lascia incontrare dal suo sguardo, lui piange, torna alla confessione 'Sono un peccatore'. Chiediamo la grazia tanto bella, di questo stupore dell’incontro. E ci dia la grazia di avere la doppia confessione nella nostra vita: ‘Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio vivo, credo. E io sono un peccatore, credo'”.



 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni