GIOVEDÌ 09 GIUGNO 2016, 11:42, IN TERRIS

BERGOGLIO A SANTA MARTA: "DIRE 'QUESTO O NIENTE' E' ERETICO"

L’omelia di Papa Francesco nella Messa mattutina è tutta incentrata sul “sano realismo”

AUTORE OSPITE
BERGOGLIO A SANTA MARTA:
BERGOGLIO A SANTA MARTA: "DIRE 'QUESTO O NIENTE' E' ERETICO"
L’omelia di Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta è tutta incentrata sul “sano realismo” che il Signore ha insegnato ai suoi discepoli dicendo loro: “La vostra giustizia deve superare quella degli scribi e dei farisei”. Il popolo, ha affermato il Pontefice, era “un po’ sbandato” perché “quelli che insegnavano la legge non erano coerenti” nella loro “testimonianza di vita”. Gesù chiede dunque di superare questo, di “andare in su”. Prendendo come esempio il primo Comandamento “Amare Dio e amare il prossimo”, sottolinea che chiunque si adira con suo fratello dovrà essere sottoposto al giudizio.

“Questo – ha detto il Papa – fa bene sentirlo, in questo tempo dove noi siamo tanto abituati ai qualificativi e abbiamo un vocabolario tanto creativo per insultare gli altri”. Questo, ha ripreso, “è peccato”, è “uccidere, perché è dare uno schiaffo all’anima del fratello”, alla sua “dignità”. E con amara ironia ha aggiunto che spesso diciamo tante parolacce “con molta carità, ma le diciamo agli altri”. Riferendosi poi alla presenza dei bambini a Messa, ha esortato a rimanere “tranquilli”, “perché la predica di un bambino in chiesa è più bella di quella del prete, di quella del vescovo e di quella del Papa” perché la loro “è la voce dell’innocenza che ci fa bene a tutti”.

Gesù, ha poi proseguito il Papa tornando al Vangelo, non manca di far notare ai discepoli quanto male faccia al popolo la contro-testimonianza dei cristiani: “Quante volte noi nella Chiesa sentiamo queste cose: quante volte! ‘Ma, quel prete, quell’uomo, quella donna dell’Azione Cattolica, quel vescovo, quel Papa ci dicono: Dovete fare così!, e lui fa il contrario’. Quello è lo scandalo che ferisce il popolo e non lascia che il popolo di Dio cresca, che vada avanti. Non libera. Anche, questo popolo aveva visto la rigidità di questi scribi e farisei e anche quando veniva un profeta che dava loro un po’ di gioia lo perseguitavano e anche lo ammazzavano: non c’era posto, per i profeti, lì. E Gesù dice a loro, ai farisei: ‘Voi avete ucciso i profeti, avete perseguitato i profeti: quelli che portavano l’aria nuova’”.

“La generosità, la santità”, che ci chiede Gesù, “è uscire ma sempre, sempre in su. Uscire in su”. Questa, ha detto Francesco, è la “liberazione” dalla “rigidità della legge e anche dagli idealismi che non ci fanno bene”. Gesù, ha poi commentato, “ci conosce bene”, “conosce la nostra natura”. Ci esorta dunque a metterci d’accordo quando abbiamo un contrasto con l’altro. “Gesù – ha detto il Papa – ci insegna anche un sano realismo”.

“Tante volte – ha soggiunto – non si può arrivare alla perfezione, ma almeno fate quello che potete, mettetevi d’accordo”: “Questo sano realismo della Chiesa cattolica: la Chiesa cattolica mai insegna ‘o questo, o questo’. Quello non è cattolico. La Chiesa dice: ‘Questo e questo’. ‘Fai la perfezione: riconciliati con tuo fratello. Non insultarlo. Amalo. Ma se c’è qualche problema, almeno mettiti d’accordo, perché non scoppi la guerra’. Questo sano realismo del cattolicesimo. Non è cattolico ‘o questo, o niente’: quello non è cattolico. Quello è eretico. Gesù sempre sa camminare con noi, ci dà l’ideale, ci accompagna verso l’ideale, ci libera da questo ingabbiamento della rigidità della legge e ci dice: ‘Ma, fate fino al punto che potete fare’. E lui ci capisce bene. E’ questo il nostro Signore, è questo quello che insegna a noi”.

“E mi permetto di dirvi questa parola che sembra un po’ strana: è la santità piccolina del negoziato. ‘Ma, non posso tutto, ma voglio fare tutto, ma mi metto d’accordo con te, almeno non ci insultiamo, non facciamo la guerra e viviamo tutti in pace’. Gesù è un grande! Ci libera di tutte le nostre miserie. Anche da quell’idealismo che non è cattolico”. “Chiediamo al Signore che ci insegni – conclude il Papa - a uscire da ogni rigidità, ma uscire in su, per poter adorare e lodare Dio; che ci insegni a riconciliarci fra noi; e anche, che ci insegni a metterci d’accordo fino al punto che noi possiamo farlo”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Michele Gesualdi
FIRENZE

E' morto Michele Gesualdi, l'allievo di don Milani

Ex presidente della Provincia di Firenze, è stato un sostenitore della legge sul biotestamento. Aveva 74 anni
MILANO | INCIDENTE SUL LAVORO

Morto anche il quarto operaio intossicato

L'uomo, operaio della "Lamina", era ricoverato presso il "San Raffaele". Nella tragedia morto anche suo...
I danni causati dalla tempesta Friederike
MALTEMPO IN NORD EUROPA

Otto vittime
tra Olanda, Belgio
e Germania

Centinaia di migliaia di persone, dal Regno Unito alla Romania, sono senza elettricità
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni
Luca Lecci
INFORTUNI SUL LAVORO

Diciannovenne stritolato dal tornio

L'incidente sotto gli occhi del padre. "Lamina": morte cerebrale per il quarto operaio
Scontri a Jenin
CISGIORDANIA

Scontri a Jenin: ucciso palestinese, feriti 2 israeliani

Hamas: "E' morto un martire delle Brigate Ezzedin al-Qassam"
INPS

Nel 2017 cassa integrazione in calo del 39,3%

A novembre 209.325 domande di disoccupazione
Il sarcofago di Larthia Seianti. Firenze, Museo Archeologico Nazionale
FIRENZE

Gli Uffizi sosterranno il Museo Archeologico

La Galleria cederà il 2,5% degli incassi annui dei biglietti
L'operazione China Truck della Polizia di Stato
MAFIA

Sgominata banda che controllava il Made in China in Europa

Vasta operazione della Polizia di Stato in diverse province italiane. 33 arrestati
Il premier Paolo Gentiloni
PAOLO GENTILONI

"Non è tempo di scardinare i pilastri del sistema su fisco e pensioni"

Lo ha detto il premier intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
HOTEL RIGOPIANO

Mattarella: "Profonda ferita per il Paese intero"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione dell'anniversario della tragedia di Farindola
 Act-Clj0102-4915
TELESCOPIO HUBBLE

Ecco El Gordo: l'ammasso più grande dell'universo

Un gigante da 3 milioni di miliardi di masse solari