VENERDÌ 17 APRILE 2015, 19:30, IN TERRIS

AVARIA ALL’AEREO, SALTA L’INCONTRO TRA PONTEFICE E PRESIDENTE SERBO

Il velivolo, che ha perso quota di 2mila metri mentre sorvolava l’Adriatico, è stato costretto a tornare a Belgrado

STEFANO CICCHINI
AVARIA ALL’AEREO, SALTA L’INCONTRO TRA PONTEFICE E PRESIDENTE SERBO
AVARIA ALL’AEREO, SALTA L’INCONTRO TRA PONTEFICE E PRESIDENTE SERBO
Papa Francesco ha ricevuto una lettera di scuse dal presidente servo Tomislav Nikolic per l’annullamento della visita odierna in Vaticano. Il motivo del mancato incontro col Pontefice è da rintracciare nell’avaria a uno dei motori del Falcon che stava trasportando il capo di Stato in Italia. La visita, ha spiegato la portavoce del leader serbo Stanislava Pak, “è stata rinviata a una nuova data. Speriamo che avvenga in tempi rapidi”. L’aeromobile, che stava sorvolando l’Adriatico a un’altitudine di 10mila metri, ha perso quota per circa 2mila metri, ma il pilota è riuscito a riprendere il controllo del velivolo riuscendo a riportarlo a Belgrado. L’avaria è l’ultima di una lunga serie di guasti e inconvenienti che hanno interessato negli ultimi anni lo stesso Falcon, fabbricato nel 1981 e utilizzato dal presidente e da altri esponenti governativi serbi.

Apprezzamento alla Serbia e al presidente Nikolic sono stati tributati proprio oggi dal segretario di Stato americano John Kerry che tramite una lettera, a nome del presidente Barack Obama, ha elogiato l’accresciuto ruolo internazionale del Paese. Constatando un progressivo miglioramento e rafforzamento delle relazioni bilaterali tra Belgrado e Washington ha evidenziato il contributo positivo della presidenza serba dell’Osce, la determinazione della Serbia ad attenersi ai principi di Helsinki sulla crisi ucraina, oltre al contributo del Paese balcanico nelle missioni di pace in Africa e Medio Oriente. Il Papa si recherà nella vicina Bosnia Erzegovina il 6 giugno prossimo. Riguardo a una possibile visita del Pontefice in Serbia mons. Stanislav Hoèevar, arcivescovo di Belgrado, ha dichiarato di non voler “forzare le tappe, per rispetto alla chiesa ortodossa e alla maggioranza dei fedeli del Paese”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Theresa May
BREXIT

May, schiaffo dai Comuni: il Parlamento avrà il veto

Governo sconfitto sull'emendamento chiave: l'accordo con Bruxelles passerà dall'approvazione parlamentare
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo