Argentina: assassinato un diacono permanente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Orrore a Villa Galicia, in Argentina, dove all'alba di domenica 9 giugno un diacono permanente è stato ucciso. La vittima si chiamava Guillermo Luquin, 52 anni ed era diacono della parrocchia Nostra Signora del Carmen. 

L'omicidio

Secondo quato riportato dal portale Infobae, il corpo dell'uomo è stato trovato dal nipote, che si era recato a casa dello zio preoccupato di non averlo visto partecipare alla funzione religiosa della domenica. Una volta arrivato sul posto, ha scoperto il corpo che presentava una profonda ferita alla gola ed era stato avvolto con delle lenzuola. Sul posto sono arrivate anche le forze dell'ordine che avrebbero escluso l'omicidio come culmine di una rapina finita male. Infatti, all'interno della casa non ci sono segni di colluttazione né mancano oggetti preziosi. 

Il giallo

Ma su come realmente sia stata trovata la scena del crimine ci sono delle contraddizioni. Infatti, la polizia ha escluso che ci fosse stato un tentativo di furto nell'appartamento, mentre alcune fonti della parrocchia della vittima hanno dichiarato a Tn che l'alloggio del diacono era sottosopra. Ora il corpo dell'uomo è stato affidato al medico legale che dovrà eseguire l'esame autoptico. 

Un quartiere in stato di shock

Il quotidiano online clarin.com ha riportato alcune testimonianze dei vicini del diacono. “Che triste giornata, ancora non riesco a crederlo. Tu eri, sei e sarai una parte molto importante della comunità carmelitana, per essere così disponibile, amorevole e dedicato. Mi mancheranno i nostri discorsi e il tuo particolare umorismo, fino a quando non ci rivedremo”, ha scritto una sua vicina, Karina Gonzalez, su Facebook, come riportato da www.clarin.com. 

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.