VENERDÌ 24 APRILE 2015, 003:33, IN TERRIS

ARABIA SAUDITA: APRE ACCOUNT TWITTER DELLA POLIZIA RELIGIOSA

"Chiediamo a Dio che tutti possano trarne utilità" - è il primo tweet

REDAZIONE
ARABIA SAUDITA: APRE ACCOUNT TWITTER DELLA POLIZIA RELIGIOSA
ARABIA SAUDITA: APRE ACCOUNT TWITTER DELLA POLIZIA RELIGIOSA
"Nel nome di Dio e con la Sua benedizione apre l'account ufficiale della presidenza generale dell'Ente saudita per la promozione della virtù e l'interdizione del vizio. Chiediamo a Dio che tutti possano trarne utilità" - è il primo tweet  della polizia religiosa dell' Arabia Saudita che inaugura il suo approdo  ai social network con un personale account su Twitter. Il successo dell'iniziativa è stato immediatamente confermato con circa 60mila follower in una sola giornata.

La polizia religiosa saudita ha tra i suoi obbiettivi quello di comunicare e  di conseguenza informare i cittadini "attraverso le sue pubblicazioni sull'account", ad esempio "il materiale orientativo per sensibilizzare tutte le categorie sociali" sulle questioni di competenza dell'Ente, di cui Il portavoce ufficiale, lo sheykh Turki al-Shalil, ha dichiarato alla tv araba 'Al-Arabiya' che l'account "è stato attivato su direttiva del presidente generale dell'Ente, lo sheykh Abdelrahman Abdallah al-Sanad, allo scopo di creare un contatto con la società e mettere in evidenza le attività e gli sforzi della presidenza dell'Ente".

Il Comitato per l'imposizione della virtù e l'interdizione del vizio è il nome completo dell'ente da cui dipende la polizia religiosa saudita, i cui agenti sono noti come mutawwiʿa e il cui compito è quello di sorvegliare il rispetto della Shari'a. Nel 2013 L’Arabia Saudita ha deciso di limitare i poteri della temuta polizia,  non potendo  più «interrogare, né incriminare» i sospett, riservando questi poteri a polizia e pubblici ministeri. L’esistenza dell'Ente è giustificata dal Governo saudita in base all’esortazione coranica "Amr bil Màruf wa Nahy an al Munkar", traducibile come "ordinare il bene e proibire il male": ciò è considerato un dovere essenziale nell’islam, la cui applicazione deve essere garantita da parte della umma, ovvero la comunità islamica.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...