DOMENICA 23 AGOSTO 2015, 12:34, IN TERRIS

ANGELUS A S.PIETRO: BERGOGLIO MANDA UN APPELLO DI PACE PER L'UCRAINA

Passa poi a una riflessione sul senso della vera fedeltà a Cristo

MATTIA SHERIDAN
ANGELUS A S.PIETRO: BERGOGLIO MANDA UN APPELLO DI PACE PER L'UCRAINA
ANGELUS A S.PIETRO: BERGOGLIO MANDA UN APPELLO DI PACE PER L'UCRAINA
Un appello di pace per l’Ucraina, il cui conflitto segue con “preoccupazione”, e una riflessione sul senso di fedeltà a Cristo, suggerita dal Vangelo domenicale: fedeltà messa in crisi dalla “mondanità” che talvolta anche nei cristiani vorrebbe annacquare lo spirito del Vangelo. Sono i due punti attorno al quale Papa Francesco ha sviluppato l’Angelus in Piazza San Pietro, di fronte a migliaia di persone.

Qualunque zona nel mondo in cui si fomenti una guerra è una periferia della civiltà, della casa comune, e il Papa delle periferie sceglie di affacciarsi alla finestra dell’Angelus per guardare lontano, all’Ucraina, a quella periferia est europea in cui si combatte un conflitto che i media mettono in prima pagina a singhiozzo ma che nelle ultime settimane, nota Francesco, si è inasprito al punto che, riportano le cronache, il presidente ucraino Poroshenko ha affermato durerà “decenni”. Per il Papa è invece sempre tempo di dialogo e di pace e la conclusione della sua preghiera mariana è un nuovo invito a non ritenere utopica questa speranza: “Rinnovo il mio accorato appello affinché siano rispettati gli impegni presi per giungere alla pacificazione e con l’aiuto delle organizzazioni e delle persone di buona volontà, si risponda all’emergenza umanitaria nel Paese. Il Signore conceda la pace all’Ucraina, che si accinge a celebrare domani la festa nazionale”.

Da una regione agitata alle armi alle anime agitate dei primi discepoli di Cristo. C’è sullo sfondo del brano del Vangelo proposto dalla liturgia il malumore dei tanti rimasti abbagliati dal Messia che li ha sfamati miracolosamente a migliaia, moltiplicando pochi pani e pesci, sul quale però è impossibile fare sogni di gloria. Perché quel Messia, commenta Francesco, parla di sé come del “Pane disceso dal cielo” e arriva a predire la sua morte affermando “che avrebbe dato la sua carne come cibo e il suo sangue come bevanda”. Una prospettiva che alla folla osannante piace poco: “Quelle parole suscitarono delusione nella gente, che le giudicò indegne del Messia, non ‘vincenti’. Così alcuni guardavano Gesù: come un Messia che doveva parlare e agire in modo che la sua missione avesse successo, subito. Ma proprio su questo si sbagliavano: sul modo di intendere la missione del Messia! Perfino i discepoli non riescono ad accettare quel linguaggio, linguaggio inquietante del Maestro”.

Non lo accettano, spiega il Papa, perché “in realtà” hanno capito “talmente bene” il discorso di Gesù “che non vogliono ascoltarlo” perché “mette in crisi la loro mentalità”, così come – soggiunge – le sue parole mettono in crisi noi “davanti allo spirito del mondo, alla mondanità”: “Ma Gesù offre la chiave per superare la difficoltà; una chiave fatta di tre elementi. Primo, la sua origine divina: Egli è disceso dal cielo e salirà ‘là dov’era prima’. Secondo: le sue parole si possono comprendere solo attraverso l’azione dello Spirito Santo, Colui ‘che dà la vita’ (…) Terzo: la vera causa dell’incomprensione delle sue parole è la mancanza di fede: ‘Tra voi ci sono alcuni che non credono’, dice Gesù”.

E Gesù, rimarca Francesco, non è che faccia sconti davanti allo sconcerto dei suoi, anzi li “costringe a fare una scelta precisa”: “Volete andarvene anche voi?”, domanda. Pietro risponde a nome di tutti – “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna” – e il Papa attira l’attenzione su questa sua confessione di fede. “Non dice – osserva – ‘dove andremo?’, ma “da chi andremo?: “Il problema di fondo non è andare e abbandonare l’opera intrapresa, ma è da chi andare. Da quell’interrogativo di Pietro, noi comprendiamo che la fedeltà a Dio è questione di fedeltà a una persona, con la quale ci si lega per camminare insieme sulla stessa strada. E questa persona è Gesù. Tutto quello che abbiamo nel mondo non sazia la nostra fame d’infinito. Abbiamo bisogno di Gesù, di stare con Lui, di nutrirci alla sua mensa, alle sue parole di vita eterna!”.

“Cristo non è un elemento accessorio: è il ‘pane vivo’”, dice ancora Francesco, che invita a un istante di silenzio per un esame di coscienza da ravvivare, dice, anche durante la settimana, incentrato su quella che per un cristiano è la madre di tutte le domande: “Chi è Gesù per me? E’ un nome? Un’idea? E’ un personaggio storico soltanto? O è veramente quella persona che mi ama, che ha dato la sua vita per me e cammina con me”. Per te chi è Gesù? Stai con Gesù? Cerchi di conoscerlo nella sua parola? Leggi il vangelo tutti i giorni, un passo del Vangelo per conoscere Gesù? Porti il piccolo Vangelo in tasca, nella borsa, per leggerlo, ovunque? Perché più stiamo con Lui più cresce il desiderio di rimanere con Lui”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018
Il Segretario del Pd Matteo Renzi
ELEZIONI

Renzi: "Il Pd sarà il primo partito"

"Boschi oggetto di un’attenzione spasmodica, si deve candidare"
Presepe

La solita ipocrisia

Il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, invita le scuole dell’Isola ad allestire il Presepe in...
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco