MERCOLEDÌ 10 LUGLIO 2019, 06:54, IN TERRIS


GRAN BRETAGNA

Angaelos: "I martiri non sono vittime ma testimoni”

Lo ha detto l'Arcivescovo copto ortodosso di Londra sui cristiani uccisi in odium fidei

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I copti decapitati dall'Isis nel 2015
I copti decapitati dall'Isis nel 2015
I

martiri cristiani uccisi in odium fidei non sono “vittime” ma “testimoni”, e i media devono mostrare cura e senso di responsabilità quando raccontano le loro vicende, evitando di utilizzare toni sensazionalisti e accenti vittimisti solo per raccogliere qualche consenso e magari qualche sottoscrizione in più. Sono questi i criteri chiave recentemente richiamati da Anba Angaelos, Arcivescovo copto ortodosso di Londra, come contributo di chiarezza offerto soprattutto a quanti sono impegnati in iniziative di informazione e sensibilizzazione a vantaggio delle comunità cristiane sottoposte nel mondo a persecuzioni. 


Media

“Quando vogliamo sostenerli” ha detto tra l’altro l’Arcivescovo copto nel suo intervento tenuto giovedì 4 luglio a Londra, nella San Margaret church, presso l’Abbazia di Westminster, in occasione della conferenza annuale di Embrace the Middle East, organizzazione cristiana impegnata a sostenere progetti e iniziative a favore di persone e comunità vulnerabili in Medio Oriente - “dobbiamo guardare loro, le loro sofferenze, e non noi stessi. Non dobbiamo trattare con senso di superiorità le comunità locali, non dobbiamo esportare le nostre opinioni su ciò che loro ‘devono’ essere, ma piuttosto rendere onore a ciò che loro sono davvero. Occorre ascoltarli. Etichettare i martiri come vittime offende ciò che loro realmente sono: perché loro non si vedono come vittime, ma come testimoni. Possiamo riconoscere, certo, la loro vulnerabilità. Ma la vulnerabilità è cosa diversa dal vittimismo”. "Siamo tutti alimentati dai media” ha rimarcato l’Arcivescovo copto ripreso da Fides “ed è importante che i media si mostrino responsabili nel modo di parlare di persecuzione, perché a volte usare un titolo a effetto solo per avere qualche sottoscrizione in più può mettere a rischio delle vite”. Nel febbraio del 2015, 20 cristiani copti erano stati sgozzati dall'Isis. Le immagini avevano fatto il giro del mondo.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il duomo di Genova
SOLIDARIETÀ

Genova, per sostenere il Museo Diocesano basta un clic

Ai mecenati giungono costanti informazioni sullo stato delle opere
Un traghetto in un porto laziale
SCIOPERO

Settimana di caos per il trasporto pubblico

Tra il 24 e il 26 luglio, treni, aerei e navi rimarranno fermi
La manifestazione No Tav
ALTA VELOCITÀ

Scontri in Val Susa, 20 denunciati

Scattano i primi provvedimenti dopo la notte di violenze
Conte in una visita al Parlamento Europeo
LA LETTERA

Salvini e Conte: è scontro sull'autonomia

Il governo è in bilico, Zaia: “Se non si fa il governo non ha senso”
Una ragazza nigeriana costretta a prostituirsi
INCUBO TRATTA

Sgominata rete di prostituzione nel teramano

Le ragazze, alcune giovanissime, erano soggiogate attraverso riti voodoo e metodi coercitivi
Il duomo di Reggio Calabria
CULTURA

L'ultima iniziativa del Museo Diocesano di Reggio Calabria

Un percorso eccezionale, reso unico da un divulgatore speciale

Un grande programma di governo!

Idati parlano chiaro ed i conti non tornano. L’economia sommersa non dichiarata dagli italiani equivale a 119...
Acquario di Genova
GENOVA

Work experience per ipovedenti all'Acquario

Progetto promosso dall’Istituto David Chiossone e finanziato dalla Regione Liguria
Luca Parmitano, che sarà per 200 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale
ESPLORAZIONE NELLO SPAZIO

Soyuz è partito, Parmitano alla volta dello spazio

Avvenuto il lancio del razzo che porterà il cosmonauta italiano sulla Stazione Spaziale Internazionale
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
COMMEMORAZIONE ALLUNAGGIO

Mattarella: "Sbarco sulla luna traguardo epocale dell’umanità"

"Tutto ciò aiuti i popoli a sentirsi più vicini, a superare egoismi, odii e conflitti"