VENERDÌ 18 NOVEMBRE 2016, 14:45, IN TERRIS

Accolti oltre 50.000 disabili e malati: l'impegno dell'Unitalsi per il Giubileo

Il presidente Diella: "Abbiamo moltiplicato i nostri sforzi per essere accanto al Papa. Roma città unica per la solidarietà"

ANDREA ACALI
Accolti oltre 50.000 disabili e malati: l'impegno dell'Unitalsi per il Giubileo
Accolti oltre 50.000 disabili e malati: l'impegno dell'Unitalsi per il Giubileo
Nell'Anno Santo straordinario che sta per chiudersi i disabili hanno avuto un posto speciale. E accanto a loro, l'impegno dei volontari dell'Unitalsi è stato ancora una volta generoso e indispensabile. Il presidente nazionale Antonio Diella commenta così il Giubileo ormai agli sgoccioli: "È stato un anno impegnativo che ci ha visto moltiplicare i nostri sforzi per essere accanto agli ammalati e ai disabili arrivati a Roma dall'Italia e dal mondo. Il Giubileo straordinario dedicato alla Misericordia è stato anche l'occasione per toccare con mano il grande cuore dei nostri volontari che si sono confermati straordinari messaggeri di misericordia accanto ai più fragili.

Un ringraziamento speciale va a loro e ai ragazzi del servizio civile che ogni giorno hanno saputo rispondere con professionalità, amore e disponibilità alle richieste delle migliaia di pellegrini che si sono rivolti ai punti accoglienza e al numero verde dell'Unitalsi". Il numero 800.062.026, attivo dal lunedì al sabato dalle 9 alle 20 e la domenica dalle 9 alle 18, ha avuto il compito di rispondere alle chiamate e alle più diverse necessità da parte degli utenti che desideravano arrivare a Roma per il Giubileo: richieste di trasporto, di assistenza presso stazioni e aeroporti, in hotel sia relativamente all'arrivo che alla partenza, carrozzine ed informazioni di carattere generale sugli eventi, accessibilità dei siti, servizi dedicati ai disabili. "Un servizio il nostro – spiega Diella - per essere nella Chiesa e accanto al Papa ed anche per ribadire l'idea che Roma è la capitale mondiale del Cristianesimo, ma è anche una città unica per l'accoglienza e la solidarietà".

L'associazione ha messo in campo un piccolo esercito di oltre 600 volontari provenienti da 15 regioni per offrire un servizio speciale calibrato sui pellegrini malati, disabili e anziani. I numeri parlano da soli: oltre 50 mila pellegrini disabili e malati accolti, 4200 carrozzine consegnate, 450 trasporti speciali effettuati con 6 mezzi.

Due le postazioni di accoglienza dell'Associazione attive in prossimità di San Pietro: il gazebo di piazza dell'Uffizio, dove è stata garantita la presenza di volontari durante tutti gli eventi giubilari, i occasione delle udienze generali del mercoledì e di quelle giubilari del sabato e in ogni domenica per le Sante Messe presiedute da Papa Francesco e l'Angelus. Qui è stata offerta assistenza a 45 mila pellegrini (20 mila dall'Italia e 25 mila dal resto del mondo) e sono state consegnate 3700 carrozzine gratuitamente a chi ne ha fatto richiesta per accedere agli eventi. L'altra postazione è stata allestita presso l'auditorium della Conciliazione dal 4 gennaio e vi hanno operato i ragazzi del servizio civile dell'Unitalsi che hanno accolto oltre 5 mila pellegrini (2 mila italiani e 3 mila dal resto del mondo) con la consegna di 500 carrozzine. Particolare attenzione è stata riservata agli spostamenti da e per le stazioni di Roma, dagli aeroporti e dalle strutture alberghiere in occasione dei vari eventi, con 6 mezzi speciali che hanno garantito circa 450 trasporti (350 di pellegrini italiani e 100 provenienti dal resto del mondo). Intenso anche il lavoro di coordinamento e di segreteria per offrire un servizio efficiente.

Secondo i dati dell'Unitalsi, gli eventi che hanno registrato la presenza più numerosa di pellegrini disabili e malati sono stati l'arrivo delle reliquie di San Pio e San Leopoldo, dal 3 all'11 febbraio, il Giubileo degli Ammalati e delle Persone Disabili (10-12 giugno) e il Giubileo dei Volontari e degli Operatori di Misericordia con la canonizzazione Madre Teresa di Calcutta (2-4 settembre).

Alessandro Pinna, responsabile nazionale dell'Unitalsi per il Giubileo ha voluto rivolgere “un ringraziamento speciale a tutte le autorità ecclesiastiche e civili che sono state coinvolte nell'organizzazione e nella gestione del Giubileo. Con tutti si è instaurato un clima di perfetta sinergia e collaborazione che ha permesso di ottimizzare il lavoro di ciascuno nell'interesse della buona riuscita di ogni evento”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"