VENERDÌ 08 MAGGIO 2015, 15:00, IN TERRIS

A SANTA MARTA IL PONTEFICE: "IL CONFRONTO NELLA CHIESA GENERA UNITA' E NON DISCORDIA"

Prendendo spunto dal primo Concilio di Gerusalemme, Francesco sottolinea l'importanza di essere aperti all'azione dello Spirito Santo che sempre muove la Chiesa per unire i cristiani

HORTENSIA HONORATI
A SANTA MARTA IL PONTEFICE:
A SANTA MARTA IL PONTEFICE: "IL CONFRONTO NELLA CHIESA GENERA UNITA' E NON DISCORDIA"
Prendendo spunto dalla liturgia odierna e pensando alla festa di Nostra Signora di Lujan, Patrona dell’Argentina, Papa Francesco ha ribadito il ruolo dello Spirito Santo che nella Chiesa crea sempre "movimento". Apparentemente questi cambiamenti possono sembrare "confusione" ma se  accolti nella preghiera e nella docilità, le novità dello Spirito generano sempre "unità" tra i cristiani.

Il Pontefice ha spiegato come è sempre Dio a muovere le acque della Chiesa e tutte le volte i cristiani, a partire dagli apostoli, si sono dovuti confrontare con franchezza e nel dialogo senza dar spazio a divisioni interne e tradimenti. Ispirando alla prima lettura, dove viene narrata la conclusione del primo Concilio di Gerusalemme, durante il quale sono state definite le poche e semplici regole che i nuovi convertiti al Vangelo dovevano osservare.

Il problema, ha spiegato Francesco, è che in precedenza si era accesa un contrasto tra quelli che definisce i "chiusi", cioè coloro che erano molto attaccati alla legge e volevano imporre le condizioni dell'ebraismo ai nuovi cristiani, e Paolo di Tarso considerato l'apostolo dei pagani, che si opponeva fortemente a questo tipo di atteggiamento.

"Come risolvono il problema? - chiede Francesco - Si riuniscono e ognuno dà il suo giudizio, dà la sua opinione. Discutono ma come fratelli e non come nemici. Non fanno le cordate fuori per vincere, non vanno dai poteri civili per vincere, non uccidono per vincere. Cercano il cammino della preghiera e il dialogo. Questi che erano proprio su posizioni opposte dialogano e si mettono d'accordo. Questa è opera dello Spirito Santo".

Il segno di quest'azione divina è sempre la concordia e la lettera inviata ai "fratelli" che "provengono dai pagani" è frutto di una condivisione e non di manovre di potere messe in campo da quanti seminano "zizzania". "Una Chiesa dove mai ci sono problemi del genere mi fa pensare che lo Spirito non sia tanto presente. E in una Chiesa dove sempre si discute e ci sono cordate e si tradiscono i fratelli l’un l’altro, lì non vi è lo Spirito! Lo Spirito è quello che fa la novità, che muove la situazione per andare avanti, che crea nuovi spazi, che crea la saggezza che Gesù ha promesso: 'Egli vi insegnerà!'. Questo muove, ma è anche quello che alla fine crea l’unità armoniosa fra tutti".

Concludendo la sua riflessione il Papa ha sottolineato la frase di chiusura della lettera apostolica nella quale è scritto: "E' parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi", formula che Francesco considera il segno concreto dell'azione divina. "Adesso continuiamo la celebrazione eucaristica e chiediamo al Signore Gesù, che sarà presente fra noi, che ci invii sempre lo Spirito Santo, a noi, a ognuno di noi. Che lo invii alla Chiesa e che la Chiesa sappia essere fedele ai movimenti che fa lo Spirito Santo"
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti