VENERDÌ 19 GIUGNO 2015, 13:21, IN TERRIS

A SANTA MARTA IL PAPA RICORDA: “NON ACCUMULARE TESORI SULLA TERRA MA IN CIELO”

Francesco sottolinea come le ricchezze tendono a prendere il posto nel cuore dell'uomo e si rischia di diventarne schiavi

HORTENSIA HONORATI
A SANTA MARTA IL PAPA RICORDA: “NON ACCUMULARE TESORI SULLA TERRA MA IN CIELO”
A SANTA MARTA IL PAPA RICORDA: “NON ACCUMULARE TESORI SULLA TERRA MA IN CIELO”
Il Papa parlando questa mattina durante la consueta omelia a Casa Santa Marta, ha commentato il passo del Vangelo in cui Gesù dice: "Dov'è il tuo tesoro là sarà anche il tuo cuore" e ancora "non accumulate per voi tesori sulla terra dove tarma e ruggine consumano e dove i ladri scassinano e rubano, accumulate invece per voi tesori in cielo".

Le ricchezze, come ha spiegato Francesco,  si presentano inizialmente come desiderio di sicurezza ma tendono a prendere il posto nel cuore dell'uomo e si rischia di diventarne schiavi. "Se la molla che spinge l'uomo è l’accumulo, finirà corrotto. Ciò che invece salva il cuore è usare la ricchezza che si ha per il bene comune".

Sebbene alla radice ci sia il desiderio profondo di sicurezza, non sono queste ricchezze che ci daranno la pace. "Anzi - ha proseguito Bergoglio - ti portano giù nella tua dignità. Tante famiglie divise per questo. Anche nella radice delle guerre c’è questa ambizione, che distrugge, corrompe. In questo mondo, in questo momento, ci si sono tante guerre per avidità di potere, di ricchezze. Si può pensare alla guerra nel nostro cuore. 'Tenetevi lontano da ogni cupidigia!', così dice il Signore. Perché la cupidigia va avanti. Poi viene la vanità - credersi importanti, credersi potenti – e, alla fine, l’orgoglio. E da lì tutti i vizi, tutti. Sono scalini, ma il primo è questo: la cupidigia, la voglia di accumulare ricchezze".

Francesco riconosce anche che "dominare il mondo è anche una missione” e questo diventa la lotta di ogni giorno: come gestire le ricchezze della terra bene, perché siano orientate al Cielo." Non è facile diventare un onesto amministratore, riconosce il Papa, perché sempre c'è la tentazione della cupidigia e del diventare importante. "Ma se io uso quello che il Signore mi ha dato per il bene comune, questo mi santifica".

Da parte nostra, ha concluso Francesco, dobbiamo chiederci ogni giorno: "Dov'è il tuo tesoro?". "E' difficile, è come giocare con il fuoco. Amministrare la ricchezza è uno spogliarsi continuamente del proprio interesse e non pensare che queste ricchezze ci daranno salvezza. Accumulare, sì, va bene. Tesori, sì, va bene: ma quelli che hanno prezzo – diciamo così – nella borsa del Cielo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Brexit (repertorio)
BREXIT

Ok del Consiglio alla "fase due"

May: "Passo importante". I leader Ue: "Ora inizia il difficile"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana