LUNEDÌ 25 LUGLIO 2016, 001:00, IN TERRIS

SILENZIO E IL "DONO DEL PIANTO" PER LA VISITA DEL PAPA AD AUSCHWITZ

La visita del Pontefice prevista per il prossimo 29 luglio

ANGELO PERFETTI
SILENZIO E IL
SILENZIO E IL "DONO DEL PIANTO" PER LA VISITA DEL PAPA AD AUSCHWITZ
"Non ho vissuto l'esperienza di Giovanni Paolo II, i cui compagni di classe erano per metà ebrei, - ha ricordato papa Francesco - ma ho e ho avuto in passato amici ebrei". Ci si è chiesti dove era Dio quando c'è stato l'Olocausto, ma "dove era l'uomo?": questa domanda "è la smentita più clamorosa della solidarietà umana nella nostra epoca". "Ogni ebreo ucciso fu uno schiaffo al Dio vivente in nome degli idoli".

Per la sua visita ad Auschwitz, il prossimo 29 luglio papa Francesco, come ha annunciato ai giornalisti sul volo di ritorno dall'Armenia, ha scelto la modalità del silenzio, e chiede il dono del pianto davanti all'orrore: non terrà alcun discorso nei luoghi in cui i nazisti sterminarono in modo pianificato e sistematico milioni di persone, in maggioranza ebrei. Potrebbe aiutare a sintonizzarsi con il silenzio e il pianto la sua riflessione, riferita nelle righe precedenti, di quando era arcivescovo di Buenos Aires, e tratta da un dialogo con il suo amico rabbino Abraham Skorka.

Il papa latinoamericano - terzo pontefice a visitare il lager nazista, dopo un papa polacco (1979) e un papa tedesco (2006) - ha scelto una via diversa da quella di Giovanni Paolo II, che durante il suo primo viaggio in Polonia celebrò una messa vicino Auschwitz e parlò dell'Olocausto nella omelia, e da Benedetto XVI che visitò Auschwitz1 e Auschwitz due, e fece "un grande discorso che non era nel contesto liturgico", come ha sottolineato padre Federico Lombardi.

Il cerimoniale della visita prevede che il Papa, giunto al lager, si fermi nei pressi del tristemente famoso arco, entri a piedi passandovi sotto, si fermi in preghiera silenziosa alla "piazza dell'appello", il luogo in cui il francescano Massimiliano Kolbe si offrì al posto di un padre di famiglia che era stato designato per essere ucciso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini
VERSO LE ELEZIONI

Centrodestra, i leader firmano il programma

Berlusconi, Salvini e Meloni sottoscrivono il documento a Palazzo Grazioli. L'ex premier: "Ampiamente condiviso"
Perris, la casa-prigione dei 13 ragazzi
IL CASO

California, i genitori aguzzini rischiano l'ergastolo

I due coniugi sono accusati di tortura. Rivelati dettagli inquietanti sulle condizioni di detenzione dei propri figli
Michele Gesualdi
FIRENZE

E' morto Michele Gesualdi, l'allievo di don Milani

Ex presidente della Provincia di Firenze, è stato un sostenitore della legge sul biotestamento. Aveva 74 anni
MILANO | INCIDENTE SUL LAVORO

Morto anche il quarto operaio intossicato

L'uomo, operaio della "Lamina", era ricoverato presso il "San Raffaele". Nella tragedia morto anche suo...
I danni causati dalla tempesta Friederike
MALTEMPO IN NORD EUROPA

Otto vittime
tra Olanda, Belgio
e Germania

Centinaia di migliaia di persone, dal Regno Unito alla Romania, sono senza elettricità
INFLUENZA

Mai così tanti casi dal 2004. A letto 4 milioni di italiani

La fascia di età più colpita dal virus influenzale è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni