VENERDÌ 28 AGOSTO 2015, 003:30, IN TERRIS

50ESIMO ANNIVERSARIO "NOSTRA AETATE": RABBINI E VESCOVI TEDESCHI VISITERANNO LA SINAGOGA ROMANA

Sara presente anche il rabbino capo Riccardo di Segni

AUTORE OSPITE
50ESIMO ANNIVERSARIO
50ESIMO ANNIVERSARIO "NOSTRA AETATE": RABBINI E VESCOVI TEDESCHI VISITERANNO LA SINAGOGA ROMANA
In occasione del cinquantesimo anniversario dell'approvazione della dichiarazione conciliare "Nostra aetate" sul rapporto della Chiesa Cattolica con le religioni non cristiane, alcuni membri della Conferenza Episcopale Tedesca (Dbk) e rabbini visiteranno mercoledì 9 settembre la Sinagoga romana. Al centro ci sarà un incontro della delegazione con il rabbino capo di Roma, Riccardo di Segni.

"Con la scelta della Sinagoga romana la Conferenza episcopale tedesca intende esprimere il suo apprezzamento per il luogo e le persone, che, come il cardinale Agostino Bea e l'ex rabbino capo di Roma Elio Toaff, hanno avuto un ruolo determinante sulla realizzazione della 'Nostra aetate' - si legge in una nota della Dbk -. Durante e dopo il Concilio la Sinagoga romana è diventata un luogo centrale dell'intesa tra cattolici ed ebrei; da essa sono partiti impulsi per l'incontro tra ebrei e cristiani anche in Germania".

I vescovi tedeschi hanno ormai da molti anni numerosi scambi con il Consiglio centrale degli ebrei in Germania, che rappresenta le comunità e hanno regolari colloqui con la Conferenza generale dei rabbini di Germania (Ark) e con la Conferenza dei rabbini ortodossi della Germania (Ord). La visita della Sinagoga romana conclude una serie di attività con cui la sottocommissione per le relazioni religiose con l'ebraismo della Dbk celebra i 50 anni di "Nostra aetate".

Tra queste figurava, oltre ad un dibattito con il presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania, Josef Schuster, per la prima volta un viaggio comune di vescovi e rabbini in Israele. Prima della visita, il prossimo 9 settembre i delegati della Conferenza Episcopale Tedesca, tra cui il presidente della sottocommissione per le relazioni religiose con l'ebraismo, il vescovo Heinrich Mussinghoff (Aquisgrana), e quello della sottocommissione per il dialogo interreligioso, vescovo ausiliare Hans-Jochen Jaschke (Amburgo), con i rabbini Jaron Engelmayer (Karmiel-Israele) e Jona Pawelczyk-Kissin (Heidelberg), terranno una conferenza stampa presso la Sinagoga romana in cui sarà presente anche il rabbino capo Riccardo di Segni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti