Un “patentino digitale” contro i pericoli del web

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

La Regione Toscana sarà la prima realtà in Italia a introdurre un “patentino digitale” per l'uso consapevole del web: l'iniziativa è stata presentata nelle scorse ore nell'ambito di Didacta, la principale fiera nazionale dedicata alla scuola e alla formazione, in corso in questi giorni alla Fortezza da Basso di Firenze. Il 'patentino digitale' è un attestato di competenze digitali, giuridiche, psicologiche, comunicative e comportamentali, una sorta di licenza che sarà rilasciata agli studenti delle scuole secondarie di primo grado al termine di uno specifico percorso formativo cui saranno chiamati a partecipare anche i familiari. Lo riporta Ansa.

Il percorso formativo

In una prima fase sperimentale il percorso formativo sarà realizzato in tre scuole toscane di Figline Valdarno, di Scarperia e di San Casciano, in provincia di Firenze. Le lezioni si terranno, tra ottobre e novembre, per due settimane per ciascuna scuola. Il 'patentino digitale' è stato voluto dal Corecom, il comitato regionale per le comunicazioni, guidato da Enzo Brogi. “La rete, i social, persino le app sono strumenti con potenzialità enormi – ha detto Brogi – saperle usare con cognizione di causa amplia le infinite opportunità che offrono garantendo sicurezza ad ogni livello. Riconoscere le potenzialità di uno smartphone serve a evitare, anche se non ad azzerare, le tante insidie della rete”. Per il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani “educare per conoscere e conoscere per utilizzare al meglio è la via maestra da percorrere in tutti i campi, a maggior ragione nel vasto mondo di internet e dei dispositivi smart”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.