Padre separato che vive in auto riceve 20 giorni di albergo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Trovare nella calza della Befana un tetto sopra la testa, almeno per qualche tempo, dev'essere una bellissima sorpresa per chi vive nell'indigenza. E' il caso di un papà di 60 anni, che da quando è divorziato, dorme in auto nei parcheggi pubblici tra Loreto (Ancona) e Macerata. Lo scorso 6 gennaio un anonimo ha regalato all'uomo venti giorni di pernottamento in un albergo, proprio in un periodo in cui il freddo è molto ficcante in tutta Italia.

Per questo sfortunato papà nelle ultime settimane si era mobilitato il Comune di Loreto e il sindaco Paolo Niccoletti, che gli aveva procurato una sistemazione provvisoria in una camera dell'hotel Centrale della cittadina marchigiana. Dopo aver accertato che l'uomo era in regola, il primo cittadino ha coinvolto quattro volontari che gli hanno pagato le spese, mentre i servizi sociali di Loreto hanno sollecitato a dargli assistenza anche i colleghi di Macerata, dove il 60enne è residente. Da tempo l'uomo – come riferisce TgCom24 – ha deciso di dormire in auto per non avere spese per una casa: dopo il divorzio infatti, vuole dare tutto quello che ha a disposizione per pagare il sostentamento della figlia minorenne. E a lui non restano soldi per un'abitazione. La sua situazione è analoga a quella di tanti altra papà divorziati. Come riferiva Massimiliano Gobbi, papà separato e coordinatore nazionale di Adiantum (Associazione nazionale per la tutela dei minori), in un'intervista ad In Terris: “Viviamo condizioni insostenibili: in media ogni figlio ci costa per il mantenimento 480euro al mese, a cui vanno aggiunte le spese di affitto o del mutuo, così molti papà spendono più dei due terzi dello stipendio”. Ed ancora: “Le spese, quando ci si separa, raddoppiano: due case, doppie utenze, doppie manutenzioni e mobili, doppi regali per i figli”. E' così che molti di loro finiscono sotto i ponti o dentro un'automobile. Ora uno di loro, il 60enne marchigiano, potrà tornare a vivere dignitosamente, almeno per qualche giorno.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.