Miss Mondo 2018 è pro-vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Miss Mondo 2018 è pro-vita. La nuova reginetta di bellezza universale, la messicana Vanessa Ponce de Leon, eletta l'8 dicembre scorso, è una sostenitrice di Vifac, associazione che in Messico si occupa di prevenire l'aborto. La Miss 26enne ha affermato – come riporta Actuall – che Vifac aiuta “quelle donne che hanno gravidanze e si trovano in una situazione vulnerabile. Le protegge, le aiuta a superare questi momenti difficili che vivono e le aiuta ad essere un po' più felici e ad apprezzare la loro gravidanza, e ad amare i nascituri“.

Un po' come fa il Movimento per la Vita italiano attraverso i Centri d'Aiuto alla Vita, Vifac – ha spiegato la de Leon – offre alle donne un alloggio, dove garantiscono anche cura alla partoriente per i tre mesi di vita del bambino, dal punto di vista psicologico ma non solo. A Vifac, ha detto la regina di bellezza, “ti aiutano con le cure mediche, sono con te il giorno del parto”. Per Ponce de Leon organizzazioni come questa sono molto importanti e hanno sottolineato che “Vifac a livello nazionale ha aiutato più di tremila donne“. “Se sei una ragazza che si trova in una situazione vulnerabile e sei incinta, ci sono persone che possono aiutarti”, ha aggiunto. E quindi ha detto, rendendosi testimonial d'eccezione della vita nascente: “Contatta Vifac, ti accoglieranno a braccia aperte”.

Secondo il suo sito web, Vifac, il cui motto è “Celebrate life”, offre alle donne incinte a rischio “una casa, servizi medici, consulenza legale, sostegno emotivo e terapia psicologica in modo da poter vivere la gravidanza con serenità”. Si legge inoltre che ci sono “corsi e workshop in cui svilupperai le competenze per lavorare e andare avanti una volta nato il tuo bambino”. Tutto ciò è gratuito. “Ti chiederemo solo di permetterci di aiutarti, di affrontare la tua situazione e di decidere di andare avanti”, si legge sul sito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.