Zelensky: “Nessun negoziato senza il ritiro dei russi”

Si sono incontrati oggi a Leopoli il presidente ucraino, il capo di Stato turco Erdogan e il segretario generale dell'Onu Guterres

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:04
Volodymyr Zelensky Donbass

Non potrà esserci alcun negoziato di pace senza il ritiro delle truppe russe dall’Ucraina, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dopo l’incontro con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan e il segretario generale delle Nazioni unite Antonio Guterres a Leopoli, un trilaterale che ha seguito il bilaterale tra i due presidenti in cui è stato firmato un accordo per la ricostruzione delle infrastrutture distrutte nel corso del conflitto. “Le persone che uccidono, violentano, colpiscono le nostre città con missili da crociera ogni giorno non possono volere la pace. Dovrebbero prima lasciare il nostro territorio, poi vedremo”, ha detto Zelensky in conferenza stampa, chiedendo di “non fidarsi della Russia”. “L’obiettivo dei nostri colloqui è stato come porre fine alla guerra, abbiamo parlato dei passi che possiamo intraprendere a questo proposito”, ha affermato Erdogan a proposito degli incontri avuti con Zelensky e Guterres.

Onu: “Negozia concreti ancora lontani”

Negoziati concreti per fermare la guerra in Ucraina sono ancora lontani“, lo ha detto il vice-portavoce del segretario generale Onu Farhan Haq. “Guterres ha discusso gli sforzi per portare avanti la causa della pace, ma siamo ancora molto lontani dal momento in cui si potranno discutere gli sforzi per una completa cessazione delle ostilità“.

Export di grano

“Siamo pronti a mettere in campo il nostro ruolo di facilitatori e mediatori con l’obiettivo di riprendere il negoziato” per arrivare al cessate il fuoco tra Ucraina e Russia che era stato avviato a Istanbul, ha affermato il presidente turco, come riporta Anadolu. “Abbiamo sottolineato come la comunità internazionale dovrebbe prendersi più responsabilità per rilanciare il processo diplomatico”, ha aggiunto. “Il mondo intero ha iniziato a percepire i riflessi positivi dell’accordo di Istanbul che ha reso possibile l’esportazione sicura di grano ucraino attraverso il Mar Nero”, ha detto poi Erdogan. Il capo di Stato turco ha fatto sapere che, da quando la prima nave è partita dall’Ucraina, l’1 agosto, sono state spedite circa 625mila tonnellate di cereali ucraini con 25 navi.  “Sosteniamo l’integrità e la sovranità territoriale dell’Ucraina”, ha affermato ancora Erdogan, “siamo stati dalla parte dei nostri amici ucraini e continueremo a farlo”.  Da quando è iniziato il conflitto con la Russia, la Turchia ospita temporaneamente 325mila profughi dall’Ucraina, ha dichiarato il capo di Stato turco.

Accordo per la ricostruzione

Un accordo per la ricostruzione di infrastrutture distrutte durante la guerra tra Russia e Ucraina è stato firmato da Ankara e Kiev durante la visita del presidente Erdogan a Leopoli, dove ha incontrato l’omologo ucraino, rende noto Anadolu. “Daremo il sostegno necessario per la ricostruzione dell’Ucraina”, ha detto Erdogan.

Accordo cibo

“In meno di un mese 21 navi sono partite dai porti ucraini e 15 navi sono partite da Istanbul per l’Ucraina per fare il pieno di grano e altre forniture alimentari. Mentre parliamo oltre 560mila tonnellate di grano e altri alimenti degli agricoltori ucraini stanno arrivando ai mercati di tutto il mondo”, ha detto il segretario generale dell’Onu Guterres a Leopoli. “Lo slancio positivo sul fronte alimentare riflette una vittoria per la diplomazia, per il multilateralismo, è un accordo senza precedenti, ma è solo l’inizio”. Guterres ha affermato che “ottenere cibo e fertilizzanti dall’Ucraina e dalla Russia in quantità maggiori è fondamentale per calmare ulteriormente i mercati delle materie prime e abbassare i prezzi“. Il segretario generale dell’Onu ha poi assicurato che le Nazioni unite mobiliteranno tutte le risorse per fornire sostegno umanitario: “Faremo del nostro meglio per aumentare le nostre operazioni e affrontare il difficile inverno che verrà”. Guterres si è detto lieto che la prima nave utilizzata dalle Nazioni Unite che trasporta grano ucraino sia in viaggio per rispondere ai bisogni delle persone che soffrono la peggiore siccità nel Corno d’Africa degli ultimi decenni. “Nel frattempo, e in modo critico, abbiamo visto segnali che i mercati alimentari globali stanno iniziando a stabilizzarsi – ha sottolineato – i prezzi del grano sono scesi fino all’8% dopo la firma degli accordi, l’Indice Fao dei prezzi alimentari è sceso del 9% a luglio, il calo più grande dal 2008. La maggior parte dei prodotti alimentari sono ora scambiati a prezzi inferiori ai livelli prebellici”. Ma “non facciamoci illusioni: c’è ancora molta strada da fare prima che questo si traduca in miglioramenti nella vita quotidiana delle persone”.

Zaporizhzhia

“Qualsiasi potenziale danno a Zaporizhzhia è un suicidio”, ha detto Guterres . “Il buon senso deve prevalere per evitare qualsiasi azione che possa mettere in pericolo l’integrità fisica o l’incolumità dell’impianto nucleare – ha aggiunto – E’ urgente un accordo per ristabilire Zaporizhhia come infrastruttura puramente civile e per garantire la sicurezza dell’area”, ha affermato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.