Von der Leyen: “Nell’Ue raggiunto in media l’80% degli stoccaggi”

Gazprom ha confermato che il gasdotto Nord Stream sarà fermato per attività di manutenzione dal 31 agosto al 3 settembre, riporta Tass

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:10
archivio Image / Cronaca / Ursula von der Leyen / foto Imago/Image

Gazprom conferma che il gasdotto Nord Stream sarà fermato per attività di manutenzione da domani, 31 agosto, al 3 settembre, riferisce l’agenzia di stampa ufficiale russa Tass. Nel suo intervento al Baltic Sea Energy Security Summit a Copenhagen, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto che si è già raggiunto in media nell’Unione europea un riempimento degli stoccaggi dell’80%.

Von der Leyen: “Stoccaggi Ue dell’80%”

“Abbiamo raggiunto una media nell’Unione Europea di riempimento degli stoccaggi dell’80%, quindi sostanzialmente abbiamo già raggiunto l’importo che abbiamo concordato per quest’anno“, ha annunciato von der Leyen intervenendo. “E’ una buona notizia”, ha aggiunto.

Von der Leyen: “Soluzione verde in tre pilastri”

“I prezzi dell’energia stanno battendo record dopo record. Le conseguenze per le famiglie e le imprese non sono sostenibili. Dobbiamo affrontare questo problema insieme e con urgenza”, così su Twitter la presidente della Commissione europea nell’ambito del proprio intervento al summit sulla sicurezza energetica in Danimarca. “Quello che vediamo – ha spiegato von der Leyen nel proprio intervento – è sì una crisi energetica, ma è principalmente una crisi energetica dei combustibili fossili. Quindi abbiamo bisogno di una soluzione verde contro questa crisi energetica dei combustibili fossili”, ha specificato. “Repower Eu fa parte della nostra risposta – ha sottolineato la presidente della Commissione -. Stiamo accelerando la transizione verso l’energia pulita con un sistema interconnesso e potrebbero esserci tre pilastri principali: innanzitutto stiamo risparmiando energia, principalmente energia da combustibili fossili a livello europeo. Abbiamo convenuto che tutti gli stati membri devono risparmiare congiuntamente il 15% di energia tra agosto e il 23 marzo. Il secondo pilastro è che dobbiamo diversificare dai combustibili fossili russi a fonti affidabili, principalmente anche per riempire i nostri stoccaggi”. Il terzo punto è che “lavorando insieme possiamo ottenere di più e più velocemente”, ha detto von der Leyen sottolineando “i benefici della cooperazione regionale” che “sono immensi. Quando le turbine eoliche offshore sono collegate a più paesi i costi sono ridotti, l’impatto sull’ambiente è ridotto al minimo e la produzione di energia non va mai sprecata perché può fluire verso mercati diversi in momenti diversi è qui che la solidarietà incontra la sostenibilità e la sicurezza dell’eccellenza”, ha quindi segnalato

La borsa

Ad Amsterdam il contratto di riferimento Ttf, dopo essere sceso in mattinata sotto la soglia dei 260 euro per megawattora, si muove intorno ai 270 (-2,1% a 270,5 euro). C’è fiducia che i Paesi della Ue riescano ad arrivare a stabilire un tetto, o per lo meno a slegare il prezzo dell’elettricità da quello del gas.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.