Von der Leyen “Questo è il momento dell’Unione Europea”

Il discorso sullo stato dell'Unione. Presidente della Commissione Europea "Lavoriamo a nuova strategia per Schengen. Inoltre entro il 2030 l'obiettivo è una maggiore riduzione delle emissioni per almeno il 55%"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:24
Unione Europea

“Le nostre economie si riprenderanno dopo una caduta del Pil del 12%, ma il virus gira ancora, ed occorre trovare un equilibrio tra garantire sostegno finanziario e sostenibilità dei bilanci”. Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, questa mattina nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione, all’Eurocamera, a Bruxelles. “Abbiamo una nuova strategia per Schengen” per rafforzare il nostro mercato interno dell’Unione Europea.

Unione Europea: 37% del Recovery Fund per il Green deal, il 30% dai Green bond

“La missione del Green Deal comporta molto di più che un taglio di emissioni, si tratta di creare un mondo più forte in cui vivere. Dobbiamo cambiare il modo in cui trattiamo la natura. E’ per questo che il 37% di Next Generation EU (Recovery Fund) sarà speso per i nostri obiettivi del Green deal” ha continuato la presidente della Commissione europea.

“Molte attività mondiali si sono fermate durante il lockdown e il pianeta è diventato sempre più caldo. Sappiamo che è necessario il cambiamento e sappiamo che è possibile. Il green Deal è il nostro piano per realizzare questa trasformazione e , vogliamo diventare il primo contente neutro entro il 2050, ma non ce la faremo con questo status quo, quindi dobbiamo essere più rapidi” ha aggiunto Ursula von der Leyen nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione al Parlamento europeo. “Abbiamo condotto una valutazione di impatto approfondita e su questa base e la commissione propone di aumentare gli obiettivi del 2030 per la riduzione delle emissioni per almeno il 55%“, ha concluso.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.